Salerno, sequestrati datteri di mare dalla Capitaneria e dalla Finanza

salerno

Blitz della Capitaneria di Porto e delle Fiamme Gialle nel centro storico di Salerno: sequestrati i piatti in un locale

Nessuna cena a base di pesce in un locale di Salerno: gli uomini della Capitaneria di Porto e delle Fiamme Gialle, che hanno fatto irruzione nell’attività, hanno sequestrato i piatti. Lo scrive il quotidiano Il Mattino.

Per i due gestori del locale è scattata la denuncia all’autorità giudiziaria. Gli inquirenti hanno ritenuto che i datteri di mare, e la loro commercializzazione, siano oggetto di un giro d’affari illegale.

Non si tratto solo il danno economico, ma anche quello ambientale. Il quotidiano che ha riportato la notizia, infatti, calcola che ogni anno in Campania 70.000 metri quadrati di fondali vengano desertificati.