HomeAttualitàSalerno, la Provincia istituisce il Canone Unico: di cosa si tratta

Salerno, la Provincia istituisce il Canone Unico: di cosa si tratta

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
87,710
Totale Casi Attivi
Updated on 21 June 2021 15:31
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

La Provincia di Salerno adotta il nuovo regolamento Canone Unico per le imposte legate a Tosap, Cosap e Icp. Le parole di Strianese

Novità dalla Provincia di Salerno. La L. 160/2019 ha introdotto a partire dal 1° gennaio 2021 il Canone Unico, che sostituisce tutte le imposte e canoni precedentemente previsti, quali ad esempio la TOSAP, la COSAP, l’ICP etc. La natura del canone unico è patrimoniale e si basa sull’occupazione del suolo pubblico o diffusione di messaggi pubblicitari.

La Provincia di Salerno – dichiara il Presidente Michele Strianese – ha quindi disciplinato l’introduzione del Canone Unico volgendo particolare attenzione al contesto attuale di crisi pandemica che inevitabilmente ha inciso sullo sviluppo economico e generato difficoltà in settori strategici come il turismo, il commercio, l’artigianato e, più in generale, sulle famiglie e sulle imprese.

La possibilità di graduare le tariffe in funzione dell’indicazione di massima già fornita dalla norma nazionale ha consentito di confermare il già valido impianto regolamentare dell’Ente, mitigando attraverso la definizione di coefficienti di riduzione ad hoc l’introduzione del canone Unico. Tali coefficienti consentono di non incrementare notevolmente la pressione fiscale sui contribuenti nel difficile periodo attuale, allo stesso tempo garantendo il gettito delle entrate e l’applicazione di tariffe eque. Va detto che la Provincia di Salerno non aggiornava le proprie tariffe dal 2011.

Abbiamo cercato di individuare il canone unico dal punto di vista del cittadino, guardando alla corresponsione del corrispettivo e tenendo presente l’obiettivo principale della semplificazione amministrativa, sia in termini di modalità di pagamento per il cittadino, che di riscossione per l’ente pubblico, attraverso per esempio l’uso di PagoPA“, conclude Strianese.