HomeCronacaSalerno, DDA in azione: confiscati beni per 7 milioni

Salerno, DDA in azione: confiscati beni per 7 milioni

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
428,286
Totale Casi Attivi
Updated on 26 September 2022 1:01
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Nell’ambito di un’operazione della Polizia di Salerno, la DDA ha chiesto e ottenuto la confisca di beni per circa 7 milioni di euro

In data odierna, ufficiali di Polizia Giudiziaria in servizio presso la Guardia di Finanza di Salerno ha dato esecuzione ad un provvedimento di confisca emesso dal Tribunale di Salerno – Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti di un soggetto classe ’68.

Il citato provvedimento di confisca fa seguito all’attività investigativa svolta dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Salerno che aveva consentito alla Direzione Distrettuale Antimafia di richiedere ed ottenere, nel mese di ottobre del 2021, il sequestro di prevenzione dei beni oggi sottoposti a confisca.

In particolare nel provvedimento di confisca il Tribunale di Salerno individua la pericolosità qualificata e generica del soggetto in questione delineandone la sua personalità delinquenziale in contesti associativi finalizzati alla commissione di reati di intestazione fittizia di beni, reati fiscali e reati contro la Pubblica Amministrazione.

I beni sottoposti a confisca, ln quanto derivanti da proventi di natura illecita, sono quote societarie di n. 17 imprese, n. 2 unità immobiliari e n. 6 autoveicoli, per un valore complessivo di oltre 7 milioni di euro.

Tra le aziende colpite dal provvedimento di confisca figura una florida attività imprenditoriale, ben avviata nel settore delle costruzioni di edifici e strade, risultata aggiudicataria, nel corso del corrente anno, di una gara di appalto del valore di 50 milioni di euro indetta da ANAS s.p.a. La conduzione di tale impresa, oggi sottoposta a confisca, continuerà sotto la gestione degli amministratori giudiziari nominati dal Tribunale di Salerno, i quali dovranno garantire il completamento delle commesse pubbliche e, in una congiuntura economica così delicata, il mantenimento dei posti di lavoro.