HomeCronacaSalerno: 5 persone sorprese a rubare tra i rifiuti dell'indifferenziato

Salerno: 5 persone sorprese a rubare tra i rifiuti dell’indifferenziato

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
754,988
Totale Casi Attivi
Updated on 27 May 2022 13:30
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Salerno, operazione controllo rifiuti: 5 persone colte in flagrante a rubare nei sacchi dell’indifferenziato

A Salerno, nella serata di ieri, è stata condotta un’operazione di contrasto del fenomeno dei furti di materiali all’interno delle buste di rifiuti indifferenziati. Sono 5 gli individui, di provenienza straniera, ad essere stati sorpresi a rubare tra i rifiuti.


Già in precedenza, il sindaco, sollecitato da Salerno Pulita, aveva presentato un esposto alla Procura della Repubblica. I dipendenti della partecipata lamentano spesso di trovare le buste aperte dai “cercatori di metalli” e di abiti usati e i rifiuti sparsi sui marciapiedi.


All’operazione ha partecipato l’amministratore unico di Salerno Pulita, Vincenzo Bennet, con i responsabili dei vari servizi: Luca Oliva, Pasquale Memoli e Christian Cannavale.


In particolare, nella zona di Torrione, sono state 5 le persone sorprese a rovistare tra i rifiuti. L’operazione si è svolta dalle 20.30 alle 23.30, alle spalle di Via Galloppo, in via Luigi Guercio-via Petrone, via Francesco La Francesca, via D’Avossa e via Marino Paglia. Le procedure di identificazione sono però continuate fino a notte inoltrata al Comando di
polizia municipale e in Questura.


Ringrazio l’amministrazione comunale, il questore e la Polizia municipale, in particolare il comandante
Battipaglia e il capitano Elia,
per l’operazione effettuata ieri sera. E’ un primo segnale ed altri ne seguiranno. E’ evidente, però, che al di là del problema dei rifiuti, c’e un problema di sicurezza. Fin dalle prime ore della sera la città è in balìa di bande organizzate, provenienti da Napoli, i cui componenti entrano finanche negli androni dei palazzi e tutto ciò non è più tollerabile.

Servono controlli serrati. Da parte nostra proporremo all’Amministrazione comunale e ai sindacati di ridurre l’orario di conferimento e
di anticipare alla 22 l’inizio della raccolta dell’indifferenziato
”.