Salernitana – Messina, le dichiarazioni post gara



Salernitana – Messina termina 2-0 per i granata e, con questa vittoria in Coppa Italia Lega Pro,  si qualifica al turno successivo della competizione

Infarcita di seconde linee al pari del Messina, la Salernitana, detentrice del torneo, si qualifica alla fase successiva grazie ad un rigore trasformato da Calil ed un gol di Colombo. Lontana parente della squadra vista all’opera venerdì sera, Menichini al termine del match si leva qualche sassolino dalla scarpa: “Sono sorpreso dalle critiche piovute in seguito alla sconfitta subìta ai danni del Lecce, perchè ritengo che il gruppo stia facendo bene e giocando un ottimo calcio. Abbiamo rivisto la gara e il secondo tempo è stato meno brutto di quanto si possa pensare. Ciò che mi ha sorpreso è che ognuno ha interpretato a modo suo alcune dichiarazioni, ho visto poco rispetto nel mio lavoro e in quello dello staff, io devo decidere in una frazione di secondo, voi potete parlare a giochi già fatti. Tornando alla gara di oggi sono le indicazione tratte sono buone,  i ragazzi sono entrati in campo con la giusta concentrazione. Andiamo avanti e ciò fa piacere sia perchè siamo i detentori del trofeo sia perchè in tal modo ho la possibilità di far giocare anche gli altri ragazzi. Oggi non abbiamo rischiato quasi niente, non esistono partite facili e queste gare sono ad alto rischio, perchè se perdi piovono critiche mentre se vinci è normale. Siamo stati bravi a far girare la palla e trovare gli spazi giusti”.

salernitana - messinaTra i migliori in campo contro il Messina, c’è sicuramente Manuel Giandonato che ha riscattato l’opaca prestazione fornita contro il Melfi e ha dimostrato, insieme a Pestrin, che possono coesistere a differenza del pensiero di Menichini più volte espresso secondo cui Giandonato è un alter ego di Pestrin:“Credo di aver sfruttato la chance concessami oggi dal mister riscattando la gara contro il Melfi. Oggi è andata decisamente meglio, sto bene e sarà l’allenatore a decidere. Non mi chiedo perché resto fuori, accetto le decisioni del mister e guardo al mio lavoro. Oggi, giocando uno spezzone di secondo tempo con Pestrin, abbiamo dimostrato che possiamo coesistere, anche perchè siamo giocatori con caratteristiche totalmente diverse. Sono due anni che non svolgo un ritiro e gioco costantemente e se mai lo farò mai potrò entrare in forma. Penso, ad ogni modo, di dover migliorare nella fase d’interdizione ma ciò si acquisisce giocando. Io via a gennaio? No, sono venuto con l’intenzione di vincere il campionato e fino a giugno resterò qui giocandomi le mie chance“.

Entrato negli ultimi minuti di Salernitana – Messina, Antonio Grillo ha commentato così il match: “Ciò che conta è dare il massimo e non il minutaggio, oggi abbiamo vinto e ci siamo divertiti. Tutti vogliamo giocare ma ci alleniamo per farci trovare pronti, l’importante è che ci sia entusiasmo e voglia di giocare per questa maglia. Da stasera pensiamo al Matera, il gruppo c’è e l’abbiamo dimostrato“.

Debutto in questa stagione e in maglia granata per Stefano Russo, portiere classe ’89 giunto dal Parma che lo scorso anno ha difeso i pali dell’Ascoli: “Oggi abbiamo superato il turno vincendo e senza subìre gol, sono soddisfatto della prestazione, inoltre una vittoria fa sempre bene al morale e all’autostima. Siamo una squadra competitiva dove in ogni ruolo c’è concorrenza, mi alleno per farmi trovare pronto per sfruttare al meglio le occasioni che avrò“.

Leggi anche