Quelli che la danza 2015, in arrivo Excursus e Borderline

Quelli che la danza 2015 prosegue con tre spettacoli delle compagnie Excursus e Borderline

Altre 3 rappresentazioni in vista per la nuova edizione di “Quelli che la danza 2015″, la rassegna itinerante a cura di Mario Crasto de Stefano e del danzatore e coreografo Claudio Malangone, realizzata grazie al sostegno del Teatro Pubblico Campano con la direzione organizzativa di Maria Teresa Scarpa.

Il 6 marzo, alle ore 21, si parte sul palco del Centro Sociale in via Vestuti con compagnia Excursus ed il lavoro coreografico “Colori proibiti” (coreografie di Ricky Bonavita), ispirata alla lettura dell’omonimo romanzo del 1951 del giapponese Yukio Mishima, insieme a Valerio De Vita.

Quelli che la danza 2015 – Nello spazio stilizzato di una stanza chiusa, il coreografo esplora la relazione fra i protagonisti di diversa età ed esperienza di vita, attraverso il pathos della danza: una scenografia essenziale che evidenzia i limiti di questo gioco e la sofferenza che implica.

Quelli che la danza 2015
Quelli che la danza 2015

Seguirà “Wild Eyed”, sempre a cura di Excursus, per le coreografie di Valerio De Vita che ne è unico interprete. L’assunzione della terapia orale, in questa seconda performance, scandisce come momento ripetitivo la giornata di chi soffre di disturbi mentali; si tratta di un atto importante e complesso, frutto di una trattazione che coinvolge come soggetti attivi sia il paziente che la struttura clinica a cui si affida. Il lavoro coreografico si sviluppa a partire da quel momento che si pone come limite di atti fisici e di visioni che sfuggono la classificazione e il giudizio, ma che rivendicano il diritto di essere incluso nel mondo reale proprio per il limite volontario a cui si relazionano.

Quelli che la danza 2015 – In conclusione, la compagnia Borderline Danza proporrà in anteprima “Il canto di Orfeo” su coreografie di Claudio Malangone. Sul palco saliranno Luigi Aruta e Alessandro De Santis.

Nell’atmosfera impalpabile dell’attesa, e della dolorosa e masochistica reminiscenza del passato, i due protagonisti rimangono nello stesso posto, incatenati dalla separazione, dal perdersi o dal non ritrovarsi. Uno studio sulla resistenza, sul dolore, sulla mancanza.

L’ingresso per Quelli che la danza 2015 costa 10 euro e il biglietto ridotto solo 8 euro, ma è possibile richiedere l’abbonamento al prezzo di 40 euro (ridotto: 35 euro).

– Per info: tel. 328 2251428