Professionisti della muntain bike a Lettere



Appuntamento per le ore 08:00 a Sant’Antonio Abate (area mercato), domenica 25 Novembre,  per i dilettanti amanti della Montain Bike che si vogliono cimentare in una gara con i professionisti delle due ruote di montagna. Per coloro che vorranno partecipare, l’obbligo di munirsi di idoneo certificato medico. Il percorso di cinque chilometri è stato disegnato dagli organizzatori al nord di Sant’Antonio Abate nel territorio comunale di Lettere ai piedi del Castello medievale del 1050, sul versante dei Monti Lattari che si affacciano sul golfo di Napoli.

MTB a Lettere

E’ questo il “Memorial Giuseppe Scarfato” organizzato da Alfano Bikc’s, che già negli anni passati ha avuto un grosso successo grazie sopratutto a molti professionisti che si dedicano a questo sport durissimo.

Lettere percorso delle Muntain Bike

La gara che si concluderà in mattinata, premierà i primi cinque assoluti ed i primi tre di ciascuna categoria. Ma la notizia di rilievo è data dal fatto che tutti saranno premiati a fine gara con un unico premio. Infatti dopo le premiazioni di rito seguirà il “Pasta Party.”

Leggi anche



Articolo precedenteNuovo Puc: Ernesto Sica si confronta con i cittadini di Pontecagnano “Centro”
Prossimo articoloSecondo appuntamento con “I professionisti si raccontano”
Avatar
Pasquale D’Aniello, giornalista, nato a Sant’Antonio Abate in provincia di Napoli. Da sempre appassionato di calcio con alcune esperienze dilettantistiche sul campo e sulla panchina. Autore nel 2012 del Libro: "Scugnizzeria agli Albori di un Successo"​ e premiato a Gallipoli nel 2015 (Torneo Internazionale che assegna il Trofeo Caroli Hotels), quale miglior giornalista del calcio giovanile. L'approccio con il calcio giovanile dilettantistico e professionistico da qualche decennio, ha fatto maturare in me nuove convinzioni ed intravedere nuovi orizzonti. "​ Il calcio è educazione, è economia, è uno dei modi di essere società"​. Tutto questo mi ha portato ad essere un "Cronista del calcio giovanile Campano"​, con il fine ultimo di far comprendere che questo Sport deve essere una sana sfida per misurare l'estro calcistico e nulla ha, che possa riguardare il fanatismo e qualsiasi altra devianza che provoca rancore anche a pochi metri di distanza tra i vari campi di calcio. La fortuna poi, di incontrare tantissimi professionisti legati a questo mondo, ha fatto il resto...