Pina Bausch protagonista: parte il seminario di Altri Orizzonti

Pina danziamo, danziamo, altrimenti siamo perduti” è il titolo del seminario organizzato dalla piattaforma Altri Orizzonti e dedicato alla danzatrice Pina Bausch, icona del mondo coreutico, che con il suo pensiero e la sua visionarietà ha rivoluzionato il mondo della danza e del teatro. I 3 appuntamenti si svolgeranno nelle aule del centro sociale “Cantarella”, nel quartiere Pastena e prenderanno  il via mercoledì 12, in mattinata, tutti curati dalla danzatrice e studiosa Annalea Antolini. Laureatasi all’ Università La Sapienza di Roma, con una tesi di ricerca dal titolo “Anne Teresa De Keersmaeker: crocevia di genialità nella danza contemporanea”, la Antolini danza in Italia e all’estero. Nel 2006 inizia la sua collaborazione con il MAXXI_museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma; per l’anno accademico 2007/2008, collabora con le cattedre di Storia della danza e del mimo presso l’ Università La Sapienza di Roma. Attualmente è consulente danza per il Festival Quartieri dell’Arte, Teatri di Vetro diretto da Roberta Nicolai e cura per il Romaeuropa Festival 2010 il progetto DNA danza nazionale autoriale. Infine è consulente danza italiana per la Fondazione Romaeuropa.

http://www.flickr.com/photos/terafoto/1475584374/

In questi tre incontri la studiosa cercherà di ricostruire il percorso di uno sguardo che penetra l’anima a occhi chiusi, proprio come in Café Müller, coreografia della Bausch e a cui si ispira buona parte del bellissimo film PINA3D di Wim Wenders, che indaga il vissuto con il lavoro generazionale Kontakthof nella declinazione over 60 e in quella teenager, e  che soprattutto non dimentica la sua formazione con il maestro Kurt Joss. Il seminario, della durata di 15 ore in 3 appuntamenti, ha un costo di 120 Euro. Ma il piacere della danza di Pina Bausch, davvero, non ha prezzo.