HomeAttualitàComuni Picentini, la protesta dei ristoratori: “dal 7 aprile riapriremo a pranzo...

Comuni Picentini, la protesta dei ristoratori: “dal 7 aprile riapriremo a pranzo e a cena“

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
402,802
Totale Casi Attivi
Updated on 6 May 2021 22:12
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Esasperati, stanchi, sfiduciati ma determinati:“riapriremo a pranzo e cena dal 7 aprile”, il grido di protesta dei ristoratori Picentini

Ristoratori picentini esasperati, stanchi e sfiduciati, ma anche determinati: tutti insieme per manifestare contro le chiusure.

Mercoledì 7 aprile ristoranti, bar, pub e pizzerie apriranno le porte dei loro locali.

”Lo ribadiamo tutti insieme: è una questione di sopravvivenza” sostengono gli esercenti.

L’appello:

L’hastag dell’iniziativa è #IOAPRO

“Siamo un gruppo di ristoratori dei picentini che non ci stanno più alle chiusure e alle decisioni del Governo – si legge nell’appello diramato a mezzo social dai ristoratori aderenti – Ci avete fatto acquistare materiali per essere a norma. Ci avete comunque chiuso. Ci avete aperto con restrizioni. Ci avete richiuso. Ci avete concesso asporto e domicilio. Concedete a tutti di poter girare liberamente (compreso le vacanza all’estero), noi però non possiamo aprire. Molti di noi non arriveranno all’apertura finale perché non vi siete assunti la responsabilità di chiudere la ristorazione italiana (sostegni miseri). Continuate a fare la guerra fra i vari partiti mentre noi non possiamo più permetterci di pagare affitti, dipendenti, o portare il pane in tavola”.

Alla protesta si unisce anche la categoria dei parrucchieri, estetiste e barbieri. Settori e attività che in questo anno operando a singhiozzo, hanno abbassato diverse volte la saracinesca.