Home Attualità Piano di Zona S2: un tavolo interistituzionale sulle estreme povertà

Piano di Zona S2: un tavolo interistituzionale sulle estreme povertà

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
222,241
Totale Casi Attivi
Updated on 26 October 2020 4:44
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

Al Palazzo di Città di Cava si terrà un Piano di Zona per discutere sulla costruzione di una rete di solidarietà ed aiuto per famiglie indigenti

Piano di Zona Ambito S2, su indicazione dell’assessore alle Politiche Sociali, del Comune di Cava de’Tirreni, ente capofila, Autilia Avagliano, rende noto che il prossimo 20 novembre, alle ore 17.17, nella Sala Giunta del Palazzo di Città di Cava de’Tirreni, si terrà un tavolo interistituzionale sul tema delle estreme povertà.

All’incontro, coordinato dall’Assessore Avagliano, sono invitati a partecipare le associazioni di volontariato e solidarietà sociale, Asl, ed associazioni religiose.

Il tema del tavolo del Piano di Zona si concentrerà, principalmente, sulla costruzione della rete di solidarietà alimentare per cittadini indigenti.

Piano
Piano di Zona S2: un tavolo interistituzionale sulle estreme povertà

Infatti l’obiettivo principale di questa governance territoriale è fare sistema, ovvero collaborare con l’intento di essere al fianco dei più deboli della società, ma nello stesso tempo sperimentare forme diverse d’interventi, più equi e diversificati. Rimanendo, naturalmente, all’interno del vincolo delle risorse economiche, a disposizione delle casse comunali.

La finalità del tavolo di lavoro del Piano di Zona è quella di rendere operativa la collaborazione tra enti privati e pubblici. Di qui il progetto dell’Assessorato ai Servizi Sociali del Comune Capofila, cioè mettere in rete i vari enti interessati ed avviare un serio lavoro di concertazione al fine di condividere, programmare e realizzare interventi integrati di sostegno sociale e materiale in favore di soggetti fragili e vulnerabili, a rischio di emarginazione ed esclusione sociale, con l’intento di evitare le duplicazioni di intervento dello stesso tipo.