Petizione per riapertura del Pronto soccorso di Scafati



Scafati Arancione

I cittadini scendono in piazza: in corso la petizione popolare per la riapertura del Pronto Soccorso dell’Ospedale “Mauro Scarlato” di Scafati

Già da settimane ormai i cittadini stanno portando avanti una nuova battaglia per la riapertura del Pronto soccorso dell’Ospedale Scarlato di Scafati, nello specifico delle sale operatorie di chirurgia generale e di ortopedia. L’iniziativa sta ricevendo molte adesioni, complice anche il fatto che la petizione non presenta alcun colore politico: i promotori sono i cittadini.

La proposta, infatti, è partita dai social: gli amministratori del gruppo Facebook «Sei di Scafati “se”…» hanno aperto un sondaggio per valutare quali fossero le problematiche della città più sentite, in modo da agire proprio su di esse. La riapertura dell’Ospedale M. Scarlato è sembrato il primo obiettivo da raggiungere secondo gli scafatesi.

Dall’idea all’azione

Gli stessi amministratori si sono riuniti e hanno deciso di portare avanti una petizione popolare che verrà poi presentata agli uffici della Regione Campania. I promotori hanno messo in atto una petizione esente da qualsiasi tipo di partito politico perchè essa deve rappresentare i cittadini stessi in maniera diretta.

«Il tema è delicato e tocca non solo gli scafatesi», dichiarano gli organizzatori Anna Cioffi, Giuseppe Migliaro, Pina Graziano e Conny Cerbone. L’Ospedale, infatti, raggruppa molti comuni che non possiedono una struttura ospedaliera e rappresenta dunque una risorsa non solo per Scafati, ma anche per il territorio circostante, in particolare dell’Agro Nocerino Sarnese e dei paesi vesuviani. Per questo motivo, la petizione è stata estesa anche a cittadini di comuni limitrofi come Pompei, Sant’Antonio Abate, Santa Maria la Carità, San Marzano sul Sarno, Angri, Terzigno, Boscoreale, Poggiomarino.

Secondo i promotori «la riapertura del pronto soccorso di Scafati consentirebbe anche di alleggerire il carico di pazienti presso le strutture circostanti e permetterebbe alle persone di non allontanarsi in modo eccessivo in caso di necessità, nonché la risoluzione di un problema comune della città». Un problema lasciato da troppo tempo irrisolto e che necessita di una svolta.

La raccolta firme continua

Gli organizzatori si dichiarano soddisfatti del lavoro e del riscontro ottenuto finora. Ad aderire sono anche molte attività commerciali e parrocchie. «La raccolta firme continua e non ci fermeremo finchè la petizione non verrà depositata sulla scrivania del presidente della Regione Vincenzo De Luca».

Di seguito i prossimi appuntamenti:

VENERDí 16/06: Tarì Cafè dalle ore 19,30 alle ore 21,00 (Via D. Alighieri, adiacente Sole 365)

SABATO 17/06: Chiesa Santa Maria delle Vergini (Scafati) dalle 19,00 alle 20,30

DOMENICA 18/06: – Parrocchia dei Sacri Cuori di Gesù e Maria (Messigno) ore 08,00 – 11,00 – 19,00;
– Santa Maria delle Vergini (Scafati) dalle 10,00 alle 13,00;
– Parrocchia San Francesco di Paola (Scafati) dalle 11,00 alle 13,00 e alle 21,00

Leggi anche