Pellezzano, un drone della Protezione Civile per risolvere il mistero di Casalbore



battipaglia

Il drone della Protezione Civile di Pellezzano in soccorso dei colleghi di Avellino per far luce sul dramma di Michela Bruno la 77enne ritrovata senza vita che aveva lasciato casa da alcuni giorni senza farvi ritorno

Ci è voluto anche l’intervento di un drone per fare piena luce sul mistero di Michela Bruno, la 77enne originaria di Casalbore che da alcuni giorni aveva lasciato la sua abitazione senza farvi ritorno.

Nella giornata odierna, infatti, ci ha pensato proprio il mezzo tecnologico, messo a disposizione dagli operatori del gruppo di Protezione Civile Santa Maria delle Grazie di Pellezzano, ad individuare il corpo senza vita della donna mentre giaceva steso a faccia in giù sul fondo di un burrone.

Stando ad una sommaria ricostruzione la 77enne, dopo aver lasciato alcuni giorni fa la sua abitazione, avrebbe vagato per diverso tempo, forse in stato confusionale,  tra i vari terreni e corsi d’acqua limitrofi alla stessa fino ad incontrare la morte a causa della stanchezza e del freddo notturno, dato che sul suo corpo non sono stati rintracciati segni di violenza. 

Grazie all’ausilio dei volontari della Protezione civile di Pellezzano, nella giornata di oggi si è riusciti a dare una svolta alle indagini, avviate alcuni giorni fa dalla compagnia dei Carabinieri di Ariano Irpino guidati dal capitano Andrea Marchese, e a far partire il piano di recupero che è stato notevolmente rallentato dalle condizioni metereologiche dell’area che hanno reso le zone d’azione particolarmente pericolose per effetto dell’acqua e del fango.

Leggi anche