Home Territorio Capaccio Nota stampa del Sindaco Franco Palumbo sull’impianto di Varolato

Nota stampa del Sindaco Franco Palumbo sull’impianto di Varolato

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
155,442
Totale Casi Attivi
Updated on 21 October 2020 23:04
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

Le dichiarazioni del Sindaco Franco Palumbo sull’impianto di Varolato:” Comprendo le preoccupazioni dei cittadini e li ringrazio anche per questa partecipazione attiva alla vita della comunità”

Capaccio Paestum– “La preoccupazione dei cittadini è parimenti alla nostra: viviamo e amiamo Capaccio Paestum quanto loro. Non viviamo in un altro pianeta e soprattutto prima ancora delle segnalazioni sui social controlliamo il nostro territorio e cerchiamo quotidianamente delle soluzioni per preservarlo e alla stesso tempo promuoverlo.

Nello specifico, c’è stato venerdì scorso un problema causato dal cedimento di una griglia situata in una linea della vasca di ossidazione del depuratore di Varolato, realizzata con i lavori di adeguamento dell’impianto tuttora in fase di ultimazione.

Questa situazione ha comportato la consequenziale fuoriuscita dal tubo che sfocia in mare di reflui depurati. La ditta esecutrice sta già lavorando per il ripristino delle opere. In ogni caso, si tratta, lo ribadisco, di reflui depurati.

Il colore scuro, come si può notare da un video diffuso sui social, è dettato dalle piogge degli ultimi giorni che ovviamente stanno comportando l’arrivo in mare anche della fanghiglia insieme ai reflui depurati. Per questo motivo, comprendo le preoccupazioni dei cittadini e li ringrazio anche per questa partecipazione attiva alla vita della comunità- Conclude il sindaco Palumbo- Non riesco a comprendere, invece, le affermazioni di qualche tuttologo che vuole ergersi a paladino dell’ambiente, strumentalizzando qualsiasi cosa.

Per quanto concerne, infine, i lavori per la riparazione del tubo della condotta sottomarina, aspettiamo che migliorino le condizioni meteomarine per poi attivare il sistema del troppo pieno”.