Pagani, un trentenne si è schiantato con la sua Ducati

Si è schiantato con la sua Ducati contro un muro: muore tragicamente un trentenne di Scafati. Da accertare le cause che lo hanno portato a perdere il controllo del mezzo

Questa mattina in via Zeccagnuolo, nel territorio al confine fra i comuni di Pagani e Nocera Inferiore, un giovane trentenne si è schiantato con la sua moto, una Ducati di grossa cilindrata, contro un muretto che costeggia la carreggiata.

Pagani, un trentenne si è schiantato con la sua DucatiAncora da accertare le cause che hanno portato il giovane centauro a perdere il controllo del mezzo, nell’impatto che gli è stato fatale.

Il repentino intervento dei volontari e del personale sanitario del 118 è servito solo a constatarne il decesso.

Il centauro, originario di Scafati, infatti giaceva ormai esanime: caduto sull’asfalto, dopo un volo di circa 150 metri, ha terminato la sua corsa senza scampo contro il muro, così come riportato da TeleNuova Tv.

Sul posto sono giunti anche i Carabinieri della locale Stazione di Pagani, che hanno chiuso la strada al traffico, per avviare le indagini sulla dinamica dell’incidente.

 

 
adnow
loading...

CONDIVIDI
Articolo precedenteAsl Campane, la condanna Uil Fpl alla remunerazione dei direttori
Prossimo articoloAmalfi, il conto alla rovescia per il Capodanno Bizantino

Classe 1986, specializzata con lode in Storia dell’Arte Contemporanea [cattedra di Carla Subrizi, La Sapienza] con la tesi “Trouble Every Day: Tous Cannibales, la voracità da tabù ad arte, dall’arte alla società”. Da sempre interessata all’arte come alla scrittura, e alla comunicazione in genere, scrive di cultura, politica e attualità. Storica dell’Arte, esperta SEO e freelancer per vocazione, attualmente collabora anche con Artribune e Tiragraffi Magazine. Da marzo 2013 cura un personale blog sull’arte: ArtFriche Zone. “Soltanto quando il senso di associazione nella società non è più abbastanza forte da dare vita a concrete realtà, la stampa è in grado di creare quell’astrazione, il pubblico” (Dwight MacDonald).