Ospedale Castiglione di Ravello, oggi il corteo di protesta



coronavirus, ravello

Non si arrestano le proteste dell’Associazione Tribunale del Malato, nonostante le disposizioni del Governatore De Luca, sul ripristino dei turni ordinari all’Ospedale Castiglione di Ravello

Ci sarà oggi a partire dalle ore 16:30 in piazza Municipio ad Amalfi, la manifestazione di protesta organizzata dall’Associazione Tribunale del Malato Costa D’Amalfi per dire no al provvedimento adottato lo scorso 31 marzo 2017 con protocollo n. 8604 emanato dalla Direzione Sanitaria Aziendale dell’Ospedale Ruggi D’Aragona di Salerno, disposizione in cui era prevista la soppressione totale del servizio di cardiologia ed un’ulteriore riduzione della copertura del servizio della radiologia, garantito fino alle ore 16:00, il tutto per sopperire alla mancanza di personale all’interno del presidio ospedaliero Castiglione di Ravello.
Questione, quella della Sanità in Costiera, che ha scatentato, in questi giorni, l’ira dei sindacati, del personale della struttura ma anche e soprattutto dei cittadini della Costiera Amalfitana che si sono visti sottrarre all’improvviso servizi sanitari fondamentali alla cittadinanza.

In merito alla vicenda è intervenuto anche il Governatore della Campania Vincenzo De Luca, il quale, ha dichiarato che dopo le sollecitazioni ricevute dai territori e dal delegato alla Sanità dei sindaci dei comuni costieri Andrea Reale, ha deciso di richiedere al direttore generale dell’Azienda Ospedaliera Ruggi, la sospensione di ogni decisione e di mantenere l’attuale organizzazione del presidio:

«Ritengo ragionevole – ha dichiarato il Presidente De Lucasospendere ogni decisione e approfondire le tematiche sollevate, con l’obiettivo di dare un’assoluta tranquillità a tutti i cittadini sulla qualità delle prestazioni erogate. Nei prossimi mesi si potrà fare un’ulteriore e più attenta valutazione d’intesa con i sindaci e il territorio, anche in relazione alla dotazione di nuovi posti letto previsti per l’ospedale classificato in zona disagiata».

Nonostante il retro-front richiesto dal Govenatore, il Tribunale del Malato, richiede chiarimenti, in quanto, ad oggi, i turni non sono stati ripristinati ufficialmente presso il presidio Costa d’Amalfi di Castiglione di Ravello.

ospedale
Andrea Cretella – presidente Associazione Tribunale del Malato – Costa D’Amalfi

Parole dure sono state espresse anche da Andrea Cretella, presidente del comitato locale del Tribunale del Malato, il quale definisce l’intera vicenda una macchinazione politica a sfavore della buona sanità in Costiera Amalfitana e dell’ospedale in questione : «In Realtà questo provvedimento di De Luca non è altro che l’ennesima pagliacciata, in quanto è stata fatto in accordo con il delegato alla Sanità della Costiera, il sindaco di Minori, Andrea Reale, con il dottore Coscioni ed i due direttori sanitari e nel momento in cui hanno visto che i cittadini della Costiera Amalfitana si sono mobilitati, hanno deciso di ritirare il provvedimento. Stanno facendo tutto loro! Tolgono, rimettono e poi vogliono prendersi pure i meriti. Non hanno fatto altro che creare l’ennesimo allarmismo in Costiera Amalfitana». 

Intanto la Cgil ha espresso la sua vicinanza ai manifestanti e ha confermato l’adesione alla protesta: «La tutela dei diritti dei cittadini della Costiera Amalfitana deve essere pienamente garantita con l’attuazione integrale di quanto previsto nel D.C.A. 33/2016 e nel conseguente Atto Aziendale del Ruggi, ovvero l’attivazione dei previsti 20 posti letto di Medicina e d il P.S.- OBI con le indispensabili figure di supporto del Rianimatore e del Cardiologo».

Leggi anche