HomeAttualitàI nonni, un'infinita risorsa: Giffoni li celebra

I nonni, un’infinita risorsa: Giffoni li celebra

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
507,169
Totale Casi Attivi
Updated on 3 December 2022 13:39
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Una giornata all’insegna degli omaggi quella organizzata da Giffoni per celebrare i nonni. Ecco tutti i dettagli

Giffoni celebra i nonni con una giornata all’insegna di proiezioni, storie e lab. “Utili, necessari, indispensabili, amorevoli, comprensivi e, a volte, anche loro invisibili”, si legge nel comunicato che spiega l’iniziativa. “I nonni hanno storie da raccontare, hanno il potere di donare felicità con il calore di un abbraccio e di accogliere, in silenzio e con il sorriso, ogni difficoltà fino a farle scomparire. Sanno ascoltare anche più di un genitore e sono capaci di farsi brillare gli occhi a ogni uscita da scuola, a ogni pagella, a ogni piccolo o grande successo, a ogni pranzo o cena condivisa con i loro nipoti.

Porta i nonni al cinema: è questo il claim scelto per invitare la community a prendere parte a una iniziativa che si terrà domenica 2 ottobre“. A partire dalle 9:30 la hall della Multimedia Valley aprirà le porte a nonni e nipoti per “una prima colazione insieme con dolci, latte e caffè“. Poi ci si sposterà nella nella Sala Blu, dove verrà proiettato “un breve video sulle figure dei nonni nel cinema” e poi “un cult da vedere insieme: Up, film Disney – Pixar d’animazione diretto da Pete Docter e Bob Peterson“.

Al termine, intorno alle 12, palco e platea tutta per loro: confronto tra nonni e nipoti. Ognuno potrà poi portare a casa un ricordo di questo evento, con una foto istantanea che sarà scattata a tutti i nuclei familiari che aderiranno all’iniziativa, perché c’è un photocall tutto per loro. A chiudere la giornata, il saluto del direttore Claudio Gubitosi che ha voluto fortemente questa iniziativa. A lui il compito di illustrare alla platea quello che è solo l’inizio di un percorso che vedrà i nonni sempre più protagonisti. Questa attività è rigorosamente gratuita.

Un progetto con i nonni al centro

Il ruolo dei nonni al Giffoni sarà di rilievo non solo nella giornata del 2 ottobre. Come spiega il direttore Gubitosi, infatti, “durante le festività natalizie continuerà questa attenzione ai nonni, con una giornata interamente a loro dedicata“. “Favole, giochi e attività prosegue Gubitosi che vedranno protagonisti nonni e nipoti ma anche chi non ha più la fortuna di averli o chi ha tanto affetto da donare e potrà “adottare” un nipote all’interno della community di giffoner.

Questa iniziativa la sosteremmo e promuoveremo anche in tutti gli hub di Giffoni in Italia e all’estero. “I nonni dovranno diventare i nostri nuovi ambassador – spiega Claudio Gubitosi A loro spetterà il compito di trasferire i valori di Giffoni e il loro vissuto esperienziale in un processo che dovrà ricucire e ricostruire il rapporto tra generazioni. Io per primo, da nonno, metterò il mio tempo a disposizione e chiederò agli amici del festival di fare lo stesso. Penso ai nonni di tutte le età e professioni che potranno avere il privilegio di raccontarsi ai ragazzi. Privilegio, sì, perché ogni relazione si basa sull’interscambio e chi in quel momento sta dando qualcosa all’altro, inevitabilmente riceve qualcosa in cambio”.

Una banca del tempo

L’idea è quella di realizzare una vera e propria banca del tempo che permetterà a nonni e nipoti, ma anche ai giffoner di tutte le età di conoscersi meglio e costruire nuovi legami basati sul dialogo e sulla fiducia. Come ci ricorda Papa Francesco, “ai nonni che hanno ricevuto la benedizione di vedere i figli dei figli, è affidato un compito grande: trasmettere l’esperienza della vita, la storia di una famiglia, di una comunità, di un popolo; condividere con semplicità una saggezza e la stessa fede; l’eredità più preziosa. Beate quelle famiglie che hanno i nonni vicini. Il nonno è padre due volte e la nonna è madre due volte”. Ma anche i nipoti hanno un compito importante: quello di regalare allegria, tenerezza, affetto. Di scaldare il cuore dei più anziani nei momenti difficili e di assorbire il più possibile tutto l’infinito patrimonio umano, emotivo, culturale, che sanno custodire e condividere.