HomeAttualitàMorto Ricardo Bofill ideatore di Piazza della Libertà

Morto Ricardo Bofill ideatore di Piazza della Libertà

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
2,562,156
Totale Casi Attivi
Updated on 18 January 2022 19:19
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

E’ morto a Barcellona ad 82 anni l’Architetto autore del Progetto di Piazza della Libertà e del Crescent a Salerno

Salerno. E’ morto all’età di 82 anni Ricardo Bofill, autore del progetto di Piazza della Libertà e del Crescent di Salerno. A comunicare la morte del noto professionista catalano, il Ministro della Cultura Spagnolo.

Bofill In Spagna è stato autore di progetti come il Parco Manzanares di Madrid e il Teatro Nazionale della Catalogna. Fu marito dell’attrice Serena Vergano.

Proprio in autunno Il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca aveva annunciato l’inaugurazione dopo ben 15 anni di lavoro, progettazione e tenacia amministrativa di Piazza della Libertà a Salerno, ritenuta una parte essenziale del ridisegno della città. “Un’opera maestosa, da visitare di giorno e di notte” come ripetuto da De Luca e progettata da Ricardo Bofill, un’opera che ha arricchito il territorio campano regionale. Piazza della Libertà a Salerno è una delle piazze sul mare più grandi, con 800 posti auto al coperto.

Il cordoglio del sindaco Vincenzo Napoli

“A nome mio personale e della Civica Amministrazione esprimo dolore e cordoglio per la morte del grande architetto Ricardo Bofill. La nostra Città è orgogliosa di averlo avuto come progettista del Crescent, una delle opere più significative della rivoluzione urbanistica del Presidente Vincenzo De Luca. Fin dal primo momento Ricardo Bofill ha dimostrato un grande amore per Salerno, la sua storia, la sua bellezza. Ha saputo creare – dopo uno studio minuzioso ed un confronto approfondito – un’opera che dialoga in modo straordinario con la Stazione Marittima di Zaha Hadid, il Lungomare ed i suoi edifici , il profilo della Costa d’Amalfi ed i monumenti della nostra storia millenaria come il Castello d’Arechi ed il campanile del Duomo. Gli saremo eternamente grati per la sua genialità, la sua passione, la condivisione della fatica per la realizzazione di un’opera epocale”.