Home Territorio Cilento Miss Universo: intervista alla modella agropolese Dana Anghelescu

Miss Universo: intervista alla modella agropolese Dana Anghelescu

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
535,524
Totale Casi Attivi
Updated on 20 January 2021 9:40
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Dana Anghelescu, ventunenne agropolese, è una delle 40 modelle finaliste dell’ultima edizione di Miss Universe Italy, svoltasi a Roma lo scorso 21 dicembre

Miss Universo è il concorso di bellezza più seguito ed importante al mondo. Lo scorso anno fu proprio una modella salernitana, Sofia Marilù Trimarco, ad aggiudicarsi il titolo di Miss.

Quest’anno la “nostra” Dana ha gareggiato nella finale italiana, andata in scena a Roma negli studi di Gold TV lo scorso 21 dicembre, vinta dalla siciliana Viviana Vizzini. Un’esperienza che la modella agropolese ha voluto condividere con noi, raccontandoci in una intervista a tutto tondo, del concorso appena concluso, dei suoi inizi nel mondo delle sfilate e tanto altro ancora.

L’intervista

Dana parlaci un po’ di te.

Io sono una studentessa, frequento la facoltà di lingue presso L’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale” e la mia più grande passione oltre il mondo dello spettacolo è la pittura, amo dipingere e quando lo faccio provo una sensazione bellissima, tutto in me ritrova pace e serenità, amo i colori perché mi consentono di dare forma e voce a tutte le mie sensazioni. Amo viaggiare e mi piace collezionare lattine di Coca-Cola provenienti da tutto il mondo.

Cosa porterai con te dall’esperienza appena conclusa di Miss Italia Universo?

Sicuramente porterò con me tantissime emozioni e ricordi bellissimi, oltre ad una maggiore sicurezza in me stessa. Colgo l’occasione per ringraziare tutto lo staff di Miss Universe Italy per l’impeccabile organizzazione.

Un percorso difficile ma ricco di soddisfazioni. Com’è è stato il rapporto con le altre concorrenti?

Il rapporto con le altre ragazze è stato fantastico, ci siamo sostenute a vicenda, abbiamo condiviso tantissimi ricordi, abbiamo riso e pianto insieme, in pochi giorni abbiamo creato una grande famiglia.

Come è iniziata la tua avventura nel mondo delle sfilate e quando ti sei detta: “Ok, questa è la mia strada”?

La mia prima sfilata l’ho fatta per mia sorella, una ragazza molto bella che sognava di diventare una modella, l’unico suo svantaggio era la sua tendenza a nascondersi perché troppo timida. Inizialmente non volevo andarci perché non ero preparata, però l’idea di poter rendere felice lei non mi ha fatto esitare. Dopo quella sfilata ho capito che è un mondo molto affascinante e la mia curiosità di conoscerlo meglio mi ha spinto a continuare.

Un cammino iniziato da Agropoli. Che ruolo ha giocato il supporto della tua famiglia e dei tuoi amici nel tuo percorso?

I miei amici e la mia famiglia hanno avuto un ruolo molto importante in questa mia avventura, mi hanno costantemente incoraggiato ad andare avanti e mi hanno dato un sacco di ottimi consigli. Il loro sostegno soprattutto in questo periodo così delicato è stato fondamentale.

Quali sono adesso i tuoi obiettivi futuri? E il tuo grande sogno?

I miei obbiettivi futuri sono quelli di conseguire la laurea, continuare a fare la fotomodella e prendere parte ad un progetto di volontariato all’estero. Il mio contributo va ovviamente ai bambini bisognosi e il fatto di poter regalare loro un sorriso è già un sogno realizzato per me.

Diversi personaggi dello spettacolo e del cinema in generale stanno promuovendo la “skin positivity”. Pensi possa aiutare a superare le insicurezze di molte donne sul proprio aspetto estetico?

Certamente, al giorno d’oggi sui social spopolano foto con pelli meravigliosamente perfette e impeccabili ma dal vivo l’aspetto può cambiare.  La “skin positivity” ci sta mostrando di fatto che tutti possiamo avere delle imperfezioni ed è assolutamente normale avere acne, smagliature o cicatrici. Non dobbiamo nasconderle e non ci devono influenzare nelle nostre scelte.

Un’ultima domanda. Nella nostra società la bellezza è molto spesso relegata alla semplice apparenza, quanto invece pensi sia importante, soprattutto nel mondo della spettacolo, distinguersi per la propria personalità?

L’esperienza di Miss Universo mi ha insegnato che ciò che ti contraddistingue più della tua bellezza e del tuo fascino è la tua personalità, su un palco questa si misura con il tuo passo deciso e la tua postura. Assumere un atteggiamento deciso è anche un modo per dimostrare quanto tu sia sicura di ciò che fai e quanta enfasi metti nel gioco. Penso che ciò valga anche nella vita di tutti i giorni.

D’altronde, Donatella Versace afferma: “L’abito ha bisogno di un’anima, chi sfila fa vivere il vestito, che da solo non potrebbe portare il messaggio giusto.”