HomePrima PaginaLutto ad Unisa: morto il professor Michele Risi

Lutto ad Unisa: morto il professor Michele Risi

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
754,988
Totale Casi Attivi
Updated on 27 May 2022 14:30
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Lutto all’Università degli Studi di Salerno: un male incurabile ha stroncato il Professor Michele Risi

Un’altra mancanza ora si farà sentire tra i corridoi dell’Università degli Studi di Salerno, per la precisione nel Dipartimento di Informatica. Quest’oggi infatti, secondo quanto riportato da “Le Cronache”, l’Ateneo piange la scomparsa di Michele Risi, professore associato del Dipartimento scientifico.

A portarlo via sarebbe stato un male incurabile, sopraggiunto qualche mese fa. In poco tempo la malattia ha avuto la meglio su di lui, che ha lottato fino alla fine. Inutili i tentativi di cura e le attenzioni da parte dei medici.

Un uomo stimato e rispettato, un vero professionista. Una persona generosa e perbene, amata da chiunque lo abbia incontrato, sia colleghi che studenti. I funerali si sono svolti ieri, alle 12:30, nella chiesa di Santo Stefano di Corticelle di Mercato San Severino.

Oltre ai fiumi di cordoglio sui social, arriva anche il messaggio da parte dell’assessore comunale alle Politiche Sociali, Paola De Roberto.

Caro Michele ci avevo creduto che potessi essere più forte tu. Tu che con la tua gentilezza, con il tuo esserci silenzioso, con il tuo sorriso, con la tua generosità, con la tua umile tenacia avresti potuto abbattere montagne. E invece no. Qualcuno ti ha voluto altrove, lontano da noi. Ma noi sapremo continuare a tenerti vicino.

Sei andato via ma in realtà non ti abbiamo perso perché tu rimarrai sempre impresso in ogni angolo della nostra memoria, resterai sempre in mezzo a noi, nella stanza difronte alla mia, in quel laboratorio che non avevi voluto lasciare neanche da prof. Associato, con la tua leggerezza, con la tua semplicità, con la tua forza nel saper accogliere il bello e il brutto della vita. Ciao Michele, salutaci Ignazio. Questo periodo maledetto ci ha tolto tanto, troppo, e noi frastornati non possiamo fare altro che accettarlo. Mi mancherai, ma questo lo sai già!