Massimo Coda, il bomber che ha saputo conquistare la stima dei tifosi a suon di gol



Massimo Coda ha saputo trasformare i fischi della prima parte della sua avventura in granata in applausi a suon di gol

Massimo Coda e la Salernitana, un amore cresciuto nel tempo a suon di gol e prestazioni importanti. L’attaccante classe ‘88, arrivato alla Salernitana il 29 Agosto 2015, all’inizio della sua esperienza con la maglia granata ha dovuto fare i conti con una condizione fisica non ottimale, a causa di un infortunio al legamento crociato che l’ha tenuto lontano dai campi per diversi mesi.

Chiusa la parentesi Parma, squadra con la quale esordisce in Serie A il 31 agosto 2014, nella gara contro il Cesena, Massimo accetta l’offerta della Salernitana e si lancia in questa sua nuova avventura con la voglia di dimostrare il suo valore e diventare il beniamino della Curva Sud Siberiano.

Purtroppo, nella prima parte di stagione gli effetti dell’infortunio incidono sul suo rendimento e arrivano, inevitabilmente, i primi fischi di un pubblico che aspettava i suoi gol e le sue giocate. Massimo è il primo a essere deluso, ma il suo carattere forte e la sua determinazione lo spingono a guardare oltre, con la consapevolezza che prima o poi questo momento sarebbe terminato e che avrebbe ripreso a fare quello che gli riesce meglio, ovvero fare gol!

Il 27 Ottobre 2015 a Lanciano si disputa la decima gara del Campionato di Serie B e proprio allo stadio Guido Biondi, Massimo Coda trova i suoi primi due gol in maglia granata. Passano altre 7 giornate in cui Massimo non riesce a trovare la via del gol e ritornano critiche e fischi.

Lui, il Bomber, non si ferma e continua ad andare avanti per la sua strada: il 12 dicembre 2015, alla 18ª giornata arriva la liberazione, Massimo Coda segna il suo primo gol all’Arechi, contro l’Ascoli e da quella giornata non si ferma più.

Conclude la stagione a quota 17 (15 in campionato e 2 nella doppia sfida dei Play Out contro il Lanciano) e viene blindato per la stagione successiva, respingendo le avances di diversi club, anche di massima serie.

Ieri a Benevento il bomber della Salernitana, oltre ad aver trasformato il rigore del momentaneo vantaggio, si è reso protagonista di una partita mostruosa in cui è stato capace di fare reparto da solo, aiutare e sostenere i compagni, lottare e combattere su tutti i palloni, sudando e onorando la maglia granata.

I gol in questa stagione sono 11, in totale sono 28, e adesso il bomber non vuole fermarsi più e ha puntato Marco Di Vaio (33 gol) nella classifica dei marcatori della storia granata, storia che Massimo Coda vuole continuare a scrivere insieme ai tifosi della Magica Salernitana.

Oggi più che mai, “per la Salernitana, fa impazzire l’Arechi, Massimoooooooo….”

Leggi anche