Masseria De Carolis (NA). Campagna di scavo 2012

 http://www.apollineproject.org

Masseria De Carolis, Pollena (NA)

campagna di scavo 2012

Apolline Project,

 in collaborazione con la:

Saint John Academy di Oxford

 

[…] lo scavo integrale delle terme romane di Pollena Trocchia, e sugli altri siti che stiamo investigando, come le “terme azzurre” di Lauro e la chiesa altomedievale di Roccarainola […]

(dal sito http://www.apollineproject.org)

 

Chi scrive ha partecipato alla campagna di scavo in questione, riportando in questa sede, le impressioni e qualche dettaglio sulle nuove scoperte.

“Scavare, come un bambino che apre il suo regalo, avvolto dalla luce accogliente dell’albero di Natale; scuotere l’uovo di Pasqua prima di scartarlo, gli occhi che brillano dalla curiosità, per arrivare alla sorpresa”

 (Cit. Stefano Esposito, Da un Eroico Furore ad un Enfant Terrible).

 

www.apollineproject.org

Ed ecco un mosaico pavimentale a decorazioni geometriche, delle ossa, frammenti di vetro, un cucchiaio lavorato in osso, altri frammenti in ceramica sui quali si possono identificare i bolli della manifattura

 

Troppo caldo e grande soddisfazione, per un team di archeologi e non, provenienti dalla Campania, dalla Sicilia, dagli Stati Uniti, dalla Spagna, dalla Repubblica Ceca, dal Giappone.

il grande contributo di infaticabili vulcanologi;

ogni gruppo assegnato al proprio saggio

 Mansioni a rotazione:

lettura delle quote

redazione delle schede US (unità Stratigrafiche)

Le attività continuano all’interno dei laboratori, collocati all’interno dell’edificio Cappabianca di Pollena Trocchia:

siglatura dei pezzi,

ricomposizione (quando è possibile) dei pezzi

Un ritorno al contatto primordiale con la terra, in questo caso le ceneri del Vesuvio; un ritorno all’infanzia scavando buche nella sabbia, a spasso sulla spiaggia alla ricerca

delle famose “pietre preziose”

”In principio, questo mondo fu solo una pietra.

In principio, non fu che una immensa roccia.

Allah prese una rupe fatta a forma di palla,

che aveva trovato nel cielo.

Disse Allah “con questa roccia creerò il Mondo”.

E avvolse la roccia in materia bruna, in liquido giallo,

in ghiaia verde, in calce bianca, in fango grigio,

in terra nera e in polvere rossiccia.

E questo è il mondo, e questi sono i suoi sette strati.

La profondità del mondo non si può misurare,

è una cosa incommensurabile, ma le leggende dicono

che se un uomo vorrà scavare, dovrà dedicare

tutta la somma dei suoi centoventi anni di vita

allo scavo del solo primo strato, quello della polvere rossiccia […]

LA LETTERA SIN س
ITAMAR LEVY

“LETTERE DEL SOLE, LETTERE DELLA LUNA”

 Ringrazio Infinitamente

il Prof. Ferdinando De Simone,

Santa, Antonio, Damiano,

Francesca, Fabio, Raffaella…