“Luci dell’Irno”, la presentazione al Comune di Baronissi

Partirà sabato 12 novembre la manifestazione “Luci dell’Irno, costellazioni infinite”, realizzata in collaborazione con gli studenti dell’Accademia delle Belle Arti di Brera

La manifestazione “Luci dell’Irno, costellazioni infinite“, il Festival nazionale di Light Art, proposto dalla città di Baronissi, partirà sabato 12 e durerà fino al 29 Gennaio. Tra gli eventi finanziati dalla Regione, il progetto di Baronissi è stato scelto per la sua qualità, difatti quest’anno, la realizzazione delle luci d’artista è stata affidata agli studenti dell’Accademia delle Belle Arti di Brera, di Milano. Un’intesa che è partita da Gennaio, tra il professore Rosario D’Acunto, esperto in marketing turistico ed il professore Massimo Bignardi, direttore del Museo Frac, che hanno funto da collante tra i docenti dell’Accademia e la città di Baronissi.

I 10 progetti, realizzati da 11 artisti (internazionali ed anche salernitani), prenderanno vita questo sabato, alle 18:00 in piazza della Repubblica, ma copriranno circa 4 km delle strade della città, centrali e periferiche. Le iniziative di Salerno restano un punto di riferimento da anni, anche se con la “Light Art”, vi sarà una caratterizzazione differente degli addobbi, che diveranno vere e proprie sculture contemporanee e metteranno in risalto le tipicità della festa popolare, con animazione e movimento, per una spesa complessiva di 190 mila euro, finanziati da fondi europei e regionali.

Lo scopo è quello di ricreare momenti di gioia per i cittadini e visitatori, ai quali viene proposto un turismo di tipo esperienziale, ma in particolar modo per i giovani, non solo grazie a questa nuova coesione con l’arte contemporanea, ma anche grazie ad eventi culturali e spettacoli. Tra le anticipazioni, verrà installato un albero di natale, progettato da un artista cinese all’interno del Parco della Rinascita, vi saranno mercatini con prodotti tipici del territorio, incontri con gli artisti contemporanei, percorsi enogastronomici e laboratori gratuiti su prenotazione. Il comune ringrazia inoltre il sostegno e contributo dei commercianti per la notte bianca di domenica 23, accompagnata da eventi che vedranno anche la presenza di Paolo Belli, noto cantante e personaggio televisivo.

E’ una partita persa, il derby tra la capitale delle luci storiche, delle luci d’artista e una cittadina che vuole confermare la sua vocazione per la città dell’accoglienza, del buon vivere, di aver la capacità di attrarre. Non c’è paragone con il Capoluogo, che rispettiamo molto e che è nostro riferimento. Baronissi è una cittadina di 17mila abitanti però esprimiamo con grande soddisfazione perchè la Regione Campania ha inserito “Luci dell’Irno, costellazioni infinite” nell’ambito dei 59 progetti che ha finanziato come eventi di natura nazionale ed internazionale.

Di questo siamo soddisfatti, ovviamente c’è tanta attesa e curiosità, io sono particolarmente lieto di aver affidato agli scultori ed artisti dell’Accademia di Brera di Milano, le opere di quest’anno, che in loro onore abbiamo voluto intitolare “Costellazioni infinite”… Si tratta di opere di Light Art, realizzate da studenti, molti anche stranieri, alcuni dei quali hanno anche lavorato per l’ingresso dell’Expo di Milano, artisti che lavorano anche in altre parti del mondo e che quest’anno saranno presenti nella nostra cittadina. Abbiamo scelto 10 progetti, tra 20 pervenuti, che presenteremo alla città di Baronissi ed alla nostra Provincia…

Quest’anno abbiamo voluto dedicare la nostra attenzione ai cittadini più giovani, perchè credo che il Natale sia la festa principalmente dei bimbi, ai quali abbiamo voluto dedicare essenzialmente questa nostra manifestazione “Luci dell’Irno”… L’obiettivo è quello di porci come una cittadina che sappia accogliere, che sappia donare una dimensione di serenità di pace di coesione, di star bene“, le parole del sindaco di Baronissi, Gianfranco Valiante

Articolo a cura di Gabriella Avallone