Le Luci dell’Irno si accendono il 12 Novembre 2016

Quest’anno sarà Stefania Orlando la madrina delle Luci dell’Irno. Da programma per la serata il concerto de I Musicastoria, animazione per bambini e shopping fino a tarda notte

Sarà la show girl Stefania Orlando ad inaugurare sabato 12 novembre, alle ore 18.00, a Baronissi, Luci dell’Irno – Costellazioni Infinite, terza edizione del Festival di Light Art promosso, organizzato e coordinato dal Comune e dalla Scuola di Scultura dell’Accademia di Belle Arti di Brera in collaborazione con il Museo FRaC.

Dopo il successo delle prime due edizioni, per l’edizione 2016 – 2017 Luci dell’Irno si evolve, proponendo al pubblico opere di light art sul tema Costellazioni infinite, progettate site specific nel centro urbano di Baronissi.

Le Luci dell’Irno si accendono il 12 Novembre 2016Non semplici luminarie natalizie ma opere create da Cristina Anna Aldrighi, Niccolò Casati, Adriano Lombardo, Luca Maestroni, Marta Santone, Maddalena Sirtori, Michela Zaghi, Yuchen Wang, Deng Wei, Dai Yujie, dieci artisti che frequentano l’Accademia di belle Arti di Brera, ai quali si affianca l’opera dell’artista salernitana Bruna Pallante.

Coinvolgendo un’area di più di 4 km nel centro di Baronissi, i giovani artisti dell’Accademia hanno creato un’opera d’arte globale che i visitatori potranno non solo ammirare, ma anche attraversare. Prima dell’accensione, alle ore 17.00, sarà inaugurata la mostra Costellazioni Infinite allestita al Museo-FRaC fino al 4 dicembre, dove saranno esposti i bozzetti delle opere, i rendering e i video che testimoniano il lavoro svolto dagli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Brera.

Per le ore 18.00 è prevista l’accensione delle luci e l’inaugurazione del Villaggio di Babbo Natale al Parco della Rinascita; alle 19.30 ci sarà il concerto de I Musicastoria. I negozi resteranno aperti fino a tarda sera. Per l’occasione verrà istituita l’isola pedonale su Corso Garibaldi.

La manifestazione è resa possibile grazie al sostegno della Regione Campania, all’Assessorato allo Sviluppo e Promozione del Territorio, quale intervento co-finanziato dal POC Campania 2014-2020 “Rigenerazione urbana, politiche per il turismo e la cultura. Programma regionale di eventi e iniziative promozionali”.

Articolo precedenteRe:hub, il locale dallo stile internazionale
Prossimo articoloSarno, arrestato un trentaquattrenne
Avatar
Classe 1986, specializzata con lode in Storia dell'Arte Contemporanea [cattedra di Carla Subrizi, La Sapienza] con la tesi “Trouble Every Day: Tous Cannibales, la voracità da tabù ad arte, dall’arte alla società”. Da sempre interessata all’arte come alla scrittura, e alla comunicazione in genere, scrive di cultura, politica e attualità. Storica dell’Arte, esperta SEO e freelancer per vocazione, attualmente collabora anche con Artribune e Tiragraffi Magazine. Da marzo 2013 cura un personale blog sull’arte: ArtFriche Zone. “Soltanto quando il senso di associazione nella società non è più abbastanza forte da dare vita a concrete realtà, la stampa è in grado di creare quell’astrazione, il pubblico” (Dwight MacDonald).