L’Impegno di Vincenzo De Luca con il comitato Battipaglia dice “NO”



Battipaglia, De Luca

Nuovo incontro alla Regione con il presidente Vincenzo De Luca per discutere la risoluzione dell’emergenza rifiuti a Battipaglia

Questa mattina, dopo l’invito pervenutoci a più riprese nelle ultime settimane, una rappresentanza del comitato ha incontrato presso gli uffici del Genio Civile a Salerno il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca per esporgli il punto di vista del comitato riguardo le problematiche ambientali che affliggono il territorio cittadino. L’incontro – a cui ha partecipato anche l’assessore regionale all’ambiente Fulvio Bonavitavola – ha fatto seguito al confronto tenutosi la settimana scorsa in occasione del convegno “Io mi rifiuto e tu? L’impegno” tenutosi a palazzo di città.

Il Presidente De Luca, dopo aver ascoltato con attenzione le istanze del comitato, ha riconosciuto la gravità della situazione ambientale cittadina e la necessità che la Regione affronti tale contesto con la giusta priorità, salvaguardando anche la vocazione agricola ed agroalimentare del nostro territorio e dell’indotto economico cittadino.

Partiti con l’obiettivo di ottenere un tavolo tecnico permanente per affrontare le criticità esposte, come ottenuto nel seguente punto 6, si è riusciti inoltre a concordare una comune visione, trascritta congiuntamente nei seguenti punti:

  1. La Regione prende atto del grave contesto di criticità ambientale in un territorio ove, lungo un arco temporale di decenni, si sono insediati un numero elevato di impianti privati che trattano segmenti del ciclo dei rifiuti, cui si aggiunge l’ex stir di titolarità provinciale;
  2. Vi è la volontà di accrescere l’impegno della Regione Campania per l’attuazione di interventi coerenti con gli accordi sottoscritti negli anni pregressi, a seguito della localizzazione dell’ex stir, con priorità assoluta per la bonifica della discarica Castelluccio;
  3. Promessa di incremento dei monitoraggi e dei controlli da parte dell’Arpac, dipartimento di Salerno, sugli impianti in attività, e rigorosa verifica nel rispetto di tutte le prescrizioni contenute negli atti autorizzativi, ovvero a seguito delle visite ispettive e di controllo;
  4. Invito alla provincia ed all’Ente d’ambito a definire le zone non idonee alla localizzazione di nuovi impianti del ciclo dei rifiuti, sulla base dei criteri dettati dal vigente piano regionale di gestione dei rifiuti solidi urbani;
  5. La regione Campania conviene che l’impiantistica pubblica nel comune di Battipaglia per il trattamento della frazione organica da raccolta differenziata sia rivolta essenzialmente al bacino territoriale del comune di Battipaglia stesso;
  6. Impegno a tenere aperto in modo permanente e stabile il confronto oggetto del presente incontro attraverso l’istituzione di un tavolo paritetico tra le istituzioni competenti e le organizzazioni di cittadini portatrici di interessi collettivi in materia ambientale.

Leggi anche