L’esordio di Roberto Insigne



La gara di Europa League persa dal Napoli per 1 a 3 contro il PSV Eindhoven, passa in secondo piano sotto il profilo del risultato in quanto partenopei si erano già qualificati per i sedicesimi della competizione Europea. La serata di giovedì invece accende i riflettori su altre argomentazioni. Corre il minuto 65° quando Walter Mazzarri dà indicazioni dalla panchina: “Roberto sei Pronto?”

Roberto Insigne '94

Negli occhi del Capitano della Primavera traspare tutta l’emozione di calcare, in una competizione ufficiale, il terreno di gioco del grande “Diego”. Al 66° il suo ingresso in campo  a rilevare “El Matador” Edison Cavani. Nella circostanza emozionati anche gli operatori a bordo campo in particolare anche il fotografo Antonio Orfano, sebbene un veterano del San Paolo, non è riuscito a celare la sua emozione ed ha regalato anche a Zerottonove la gioia di condividere le sue stesse sensazioni. Linea verde per il Napoli Europeo che in panchina accanto a De Sanctis ed Hamsik, continua a far sedere anche un altro classe ’94 Giuseppe Fornito.

Giuseppe Fornito classe 94

Il “fantasista” della Primavera, non ha fatto il suo ingresso in campo, ma i tempi per Lui sono ugualmente maturi e sicuramente a breve si presenteranno altre occasioni.

Roberto Insigne Napoli Psv

Ritornado su Roberto, il “boato” del San Paolo al suo ingresso, non gli ha fatto perdere la concentrazione e subito ha ricoperto la zona di campo indicatagli da Mazzarri che ha definito la sua prova di “carattere”. Non si è fatto pregare quando ha avuto la sua prima occasione.

Azione goal di Roberto Insigne

Passano solo pochi minuti dal suo ingresso, quando aggancia deliziosamente di tacco un assist proveniente dalla sinistra, elude un avversario ed indirizza a giro verso la porta difesa da Watterman. Il suo tiro accarezza il vertice alto e di pochissimo si perde sul fondo. Ragione a Mister Mazzarri per la sua prova di “carattere” anche quando affronta i frequenti contrasti con l’arcigno difensore Jorgensen.

Insigne Contro Jorgensen

La Differenza nel fisico con il Belga si fa sentire, ma la classe è a favore del ragazzo Napoletano. Nonostante il passivo, ininfluente ai fini della qualificazione, a fine gara Mister Mazzarri si ritiene soddisfatto delle risposte ottenute ed applaude sopratutto i più giovani.

Mazzarri Walter

SI contano ben otto occasioni limpide sotto porta avversaria non sfruttate a dovere. Ottima la risposta ricevuta da El Kaddouri.

El Kaddouri

Eccellente visione di gioco di Omar e velocità di esecuzione e di costruzione. Ottimo tutto il suo lavoro di rifinitura e movimento senza palla. Così come le risposte date dal giovanissimo difensore Bruno Uvini

Uvini Brunoschierato a tre unitamente all’esperto Campagnaro, al suo rientro dopo un infortunio, e all’altro Argentino Federico Fernandez. Voci di corridoio auspicano per Lui una presenza più assidua in campo e quindi sembra profilarsi, per Gennaio,  il suo prestito in un’altra società della massima serie.

Leggi anche



Articolo precedenteInsieme per Telethon: l’Arte al servizio della Solidarietà
Prossimo articoloNuovolio 2012, a Casal Velino l’ olio migliore
Avatar
Pasquale D’Aniello, giornalista, nato a Sant’Antonio Abate in provincia di Napoli. Da sempre appassionato di calcio con alcune esperienze dilettantistiche sul campo e sulla panchina. Autore nel 2012 del Libro: "Scugnizzeria agli Albori di un Successo"​ e premiato a Gallipoli nel 2015 (Torneo Internazionale che assegna il Trofeo Caroli Hotels), quale miglior giornalista del calcio giovanile. L'approccio con il calcio giovanile dilettantistico e professionistico da qualche decennio, ha fatto maturare in me nuove convinzioni ed intravedere nuovi orizzonti. "​ Il calcio è educazione, è economia, è uno dei modi di essere società"​. Tutto questo mi ha portato ad essere un "Cronista del calcio giovanile Campano"​, con il fine ultimo di far comprendere che questo Sport deve essere una sana sfida per misurare l'estro calcistico e nulla ha, che possa riguardare il fanatismo e qualsiasi altra devianza che provoca rancore anche a pochi metri di distanza tra i vari campi di calcio. La fortuna poi, di incontrare tantissimi professionisti legati a questo mondo, ha fatto il resto...