L’Immacolata Concezione del Convento di Baronissi. Paternità

 

 

La tavola del fiammingo

Teodoro D’Errico,

perchè attribuirla a

Giovan Battista Lama?

“TEODORO D’ERRICO,

LA MANIERA FIAMMINGA

NEL VICEREGNO”

 

 

Documento 10

 

 

A.S.N., Notai del Cinquecento, Cristoforo Cerlone, scheda 161, protocollo 1257, ff. 34 verso -35 verso:

«Conventio et promisso faciendi conam pro R.do domino Abbate Hieronimo merenda et magnifico Theodoro de henrico.

Eodem die quinto mensis octobris quinte Jndictionis 159i extra portam realem huius civitatis neapolis jn nostri presentia constitutus Magnificus Theodorus de Henrico  flamineus pictor neapoli comorans sicut ad conventionem devenit cum Magnifico et R.do Abbate Hieronimo Marenda [1]Canonico Aversano consestiente prius jn nos sponte coram nobis non vi dolo et omni meliori via promisit et convenit solemni stipulatione dicto domino Abbati Hieronimo presenti vulgari sermone jnfra et per tutto il primo di de quadragesima proxima ventura del jntrante  anno 1592 ò al più per la prima Domenica de detta quadragesima, fare et pintare una cona della santissima Concepitone della Madonna alta palmi dudeci jn circa et largha palmi otto in circa nella quale ge promette pintare la Madonna della Concepitone con tutti li Misterij intorno, sancto Francisco de assise vestito scappuccino da mano dextra el sancto Antonio de padua similmente vestito scappuccino da mano sinistra, et Dio Padre sopra la Madonna.

Et jntorno ge promette fare la cornice largha un quarto et meczo di palmo di colore di noce quale cona esso Theodoro la promette fare et pintare de mano sua propria bona et perfetta di bono magisterio ben pintata et ben fatta à juditio d’experti, et di colori fini ad oglio, et jn lo manto della Madonna de azuro ultra marino de valuta de sette ducati l’onza et di legnami stascionati ad juditio d’experti, et darla complita d’ogne perfettione fra detto tempo jn Napoli jn pace.

Et hoc pro convenuto et finito pretio ducatorum quinquaginta de carlinis argenti.

De quibus prefatus magnificus Theodorus presentialiter coram nobis recepite t habuit à dicto domino Abbate Hieronimo sibi consistentes jn tot carlinis Philippinis  coram nobis jnter eos numeratos, reliquos vero ducatos quadraginta de predictis carlinis argenti prefatus  dominus Abbas Hieronimus sponte coram nobis promisit integre dare solvere et assegnare eidem Magnifico Theodoro et eius jn hac civitate Neapoli hoc modo videlicet: ducatos decem ex eis vulgari sermone dicendo quando la cona sarra abuczata altri ducati dec quando è jncomenziata à finire et reliquos ducatos viginti completa et consegnata dicta cona jn pace.

Ac non ostante quacumpue excettione etiam liquida preventione:

Cum pacto quo si forte ipse Magnificus Theodorus defecerit vel cessaverit a confectione dicte cone per dictum tempus us supra, eo casu liceat dicto domino Abbati Hieronimo dictam conam fieri et completi facere ab alijs pittoribus et ad omnia damna expensa et interesse dicti Magnifici Theodori».  

 

(omissis[2]).

 

 

 

 


[1]Aversa (d’) Girolamo (?) riportato dal Mons. Roberto Vitale, nel Dizionarietto biografico de gli uomini illustri e notevoli di Aversa, Aversa 1949

[2] C. Vargas, Teodoro D’Errico, la maniera fiamminga nel Viceregno, Napoli 1988