HomeSalernoLa cena che fa bene. Al ristornate Modo per sostenere Aibi

La cena che fa bene. Al ristornate Modo per sostenere Aibi

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
492,457
Totale Casi Attivi
Updated on 27 November 2022 1:30
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

La cena che fa bene. Buon cibo, jazz e solidarietà venerdì 2 dicembre, dalle ore 20.00, al Ristorante Modo di Salerno

[ads1]

La cena che fa bene. Un evento solidale per sostenere le attività di dell’associazione Ai.Bi. Amici dei Bambini. L’appuntamento è a Salerno venerdì 2 dicembre 2016 alle ore 20.00 presso il Ristorante Modo di Salerno.

La serata prevede una cena al tavolo, con un ricco menù preparato grazie alla disponibilità di diverse aziende. In primis il Ristorante Modo di Salerno, i cui proprietari hanno messo a disposizione il locale per l’iniziativa. Le portate sono state donate da diverse aziende locali. Vallepiana per i latticini, Gruppo La California per frutta e verdura. Diverse le aziende che hanno contribuito donando pasta e vino. La cena si concluderà con i dolci di Sal De Riso, che per il secondo anno consecutivo affianca Amici dei Bambini.La cena che fa bene

Ad allietare i partecipanti il concerto jazz con Daniele Scannapieco & friends, sax tenore. Il concerto è offerto dal Peperoncino Jazz Festival. Dal 2013 il Peperoncino Jazz Festival affianca la sede di Salerno di Amici dei Bambini, offrendo gratuitamente il concerto per la serata di raccolta fondi annuale.

Il ricavato della serata andrà a favore del progetto Family Home Campania che a Salerno offre attività di assistenza, accompagnamento e servizi ludici ed educativi alle famiglie biologiche, adottive e affidatarie.

Con i fondi raccolti saranno sostenute, con colloqui individuali e incontri di gruppi, le famiglie che si apprestano a fare, o hanno già concluso, un’adozione, nazionale o internazionale. Quelle che hanno deciso di accogliere in affido un minore temporaneamente allontanato dalla sua famiglia di origine; e le mamme e i papà biologici che necessitano di un supporto alla genitorialità.

Inoltre, con i fondi raccolti, saranno anche sostenute le attività del laboratorio ludico-educativo per bambini dai 4 ai 12 anni che Ai.Bi. ha attivato, dal 2012, presso il Punto Famiglia ACLI a Salerno.

[ads2]