Immigrazione illegale, i risultati dell’operazione Talassa a Salerno



Baronissi operazione talassa

Contrasto all’immigrazione illegale, al falso documentale e ai traffici transfrontalieri: quasi 1000 persone e oltre 300 veicoli controllati a Salerno nell’ambito dell’operazione Talassa

Si è conclusa nella scorsa settimana l’operazione Talassa, disposta dalla Direzione Centrale per l’Immigrazione e le Frontiere ed attuata dagli Uffici di Polizia di Frontiera Marittima su tutto il territorio nazionale con servizi straordinari di controllo presso gli scali marittimi per il contrasto all’immigrazione illegale, al falso documentale e ai traffici transfrontalieri con particolare attenzione rivolta al traffico di auto rubate.

Nel porto di Salerno sono state anche utilizzate particolari apparecchiature deputate alla rilevazione di occultamento di migranti irregolari nei trailers, containers e stive. La Polizia di Frontiera di Salerno ha lavorato in sinergia con personale della Polizia Stradale specializzato nell’analisi di telai contraffatti e nel furto di auto.

Nei controlli straordinari ha cooperato anche personale della Capitaneria di Porto, Guardia di Finanza, Agenzia delle Dogane e Reparto Cinofili dell’Arma dei Carabinieri.

Sono state attentamente ispezionate varie tipologie di navi, provenienti da vari porti  e le verifiche si sono concentrate, oltre che sui passeggeri, sugli autoarticolati e sui rimorchi sbarcati, utilizzando le apparecchiature elettroniche di scannerizzazione sui veicoli sospetti.

In particolare, le attività di controllo si sono cosi sviluppate:

  • impiegate nel controllo della frontiera interna ed esterna 44 pattuglie della Polizia di Stato;
  • controllate 27  navi  (17  provenienti  da Paesi  Schengen  e  10 provenienti  da Paesi extra Schengen): 17 cargo,  3 rotabili,  6 rotabili e passeggeri, 1 nave crociera;
  • controllate 910 persone, di cui 110 risultavano avere dei precedenti penali;
  • respinto alla frontiera uno  straniero di nazionalità tunisina, ai  sensi  dell’art.  10, comma 1 D.L.vo  286/1998 (ingresso irregolare nel territorio italiano), scoperto all’interno di un rimorchio telonato, abilmente occultato tra la merce (rotoloni  di cellophane), sprovvisto di documenti ed affidato, dopo il fotosegnalamento, al comandante della nave per essere rimpatriato in Tunisia;
  • ispezionati e controllati 338 veicoli, tra autovetture e trailers;
  • elevate 9 contravvenzioni al Codice della Strada, per un importo totale di 354,00 euro;
  • elevata 1 contravvenzione al Comandante della motonave “Cruise Bonaria” per violazione dell’art. 12 del Decreto Legislativo n. 286/1998 (ingresso illegale nel territorio italiano) per un importo di 1.833,33 euro.

Leggi anche