Il Wolfsburg batte il Lione e fa sua la Champions League



Si è conclusa ieri sera l’era del Lione, dopo due vittorie consecutive in Champions deve incinarsi al Wolfsburg che fa sua la coppa al primo tentativo, come in passto fecero il Francoforte, il Turbine Potsdam e il Duisburg. Il tecnico Kerllerman schiera in difesa la recuperata Popp e, dopo 4′ dal fischio d’inizio, il Wolfsburg sfiora il gol con Kessler che in acrobazia sfiora il palo a portiere battuto.

Il Lione si sveglia e dopo 10 minuti sfiora il gol prima con un colpo di testa di Henry su corner battuto da Rapione e poi con un tiro di Lotta Schellin dove l’estremo difensore tedesco è attenta.

Nella ripresa il tecicno francese Lair manda in campo Dickenmann al posto di Rapione, per dar man forte all’attacco, ma la difesa del Wolfsburg è ben messa in campo e sventa ogni azione da gol delle francesi.

La svolta arriva al 73′ quando Renard comemtte fallo di mano e il direttore di gara Albon concede la massima punizione. Sul dischetto si presenta la Muller che insacca la palla alle spalle dell’incolpevole Bouhaddi. Per i tifosi tedeschi presenti allo Stamford Bridge inizia la festa.

Nei restati venti minuti di gioco si vede un Lione che cerca il gol del pareggio ma alla fine del temppo regolamentare sono le tedesche di Kellermann a vincere il trofeo e mettere fine ad una striscia di successi francesi che era inziata nel 2010 proprio nella capitale inglese.

 

Wolfsburg – Lione 1-0

Rete: 73’ Muller rig.

Wolfsburg: Vetterlein, Wensing, Hartmann, Hanning, Jakabfi (78’ Mangull), Blasse, Goessling, Popp, Muller, Pohlers (82’ Imilade).

A disposizione: Burmeister, Tietge, Chandraratne, Vetterlein, Bunte.

Allenatore: Ralf Kellermann
Lione: Bouhaddi, Renard, Georges, Franco, Bompastorm Henry, Rapione (46’ Dickenmann, 89’ Majri), Necib, Abily (67’ Le Sommer), Schellin, Thomis.

A disposizione: Deville, Bussaglia, Viguier, Otaki.

Allenatore: Patricie Lair

Arbitro: Teodora Albon (ROU)

Assistenti: Petruta Iugulescu (ROU), Mihaela Gomoescu (ROU)

Quarto arbitro: Cristina Dorcioman (ROU)

Note: Ammonite: 89’ Renard (L), 90’ Magull (W)

Leggi anche