Il Mito di Palinuro



Quest’oggi a Palinuro presso  l’Antiquarium  in occasione del patto di amicizia stipulato tra il comune di Centola e il Comune di Mantova, gli studenti dell‘Istituto Comprensivo di Centola Plesso “P. Virgilio Marone” di Palinuro, hanno portato in scena il Mito di Palinuro

Ad aprire lo spettacolo è stata la profetessa che ha narrato il mito, seguita poi da Giunone che nutre un grande odio nei confronti di Enea.

La dea Giunone non approva il fatto che la flotta di Enea approdi in Italia, in quanto la leggenda narra che la flotta di Enea abbia intenzione di  distruggere quella che è la Città a lei dedicata, ovvero Cartagine; entra poi in scena Venere che cerca in ogni modo di convincere Poseidone affinché protegga il viaggio di Enea.

Il prosieguo della storia vede protagonista proprio Enea con il viaggio in barca che porta poi alla caduta in mare di Palinuro, causata da Morfeo su richiesta di Poseidone.

Palinuro viene poi ritrovato in mare dai marinai, che lo uccidono perché pensano si tratti di un brigante.

La rappresentazione spalinuro ed eneai è conclusa con la scena che ha visto protagonisti Enea e Palinuro negli inferi, e al nocchiero Palinuro viene promesso come ricompensa che il luogo dove egli ha trovato la morte porterà il suo nome.

Al termine della rappresentazione teatrale gli alunni hanno ritenuto importante fare alcuni ringraziamenti rivolgendosi in modo particolare agli insegnanti, che con la loro tenacia ed il loro costate impegno, hanno reso possibile tutto ciò.

Ha concluso poi la mattinata il sindaco Dott. Carmelo Stanziola, complimentandosi a sua volta con gli studenti protagonisti, sottolineandone l’attaccamento e l’amore che hanno dimostrato nel mettere in scena il mito di Palinuro, invitandoli a proseguire nel loro futuro con la stessa tenacia e lo stesso impegno che hanno dimostrato in quest’occasione.

Leggi anche