Home Attualità Giffoni Valle Piana, presentazione bandi pubblicati dal GAL

Giffoni Valle Piana, presentazione bandi pubblicati dal GAL

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
276,457
Totale Casi Attivi
Updated on 29 October 2020 10:52
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

Con il nono incontro territoriale, tenutosi al comune di Giffoni Valle Piana, si è concluso il primo ciclo di incontri nei comuni del territorio, per la presentazione dei primi Bandi pubblicati dal GAL

Con il nono incontro territoriale, tenutosi al comune di Giffoni Valle Piana, si è concluso il primo ciclo di incontri nei comuni del territorio, per la presentazione dei primi Bandi pubblicati dal GAL, così come previsto dal Piano di Comunicazione ed Animazione.

L’intervento del primo cittadino e Presidente del GAL, Antonio Giuliano ha tracciato il bilancio sull’intera iniziativa portata avanti dal Team, guidata dal Coordinatore, Eligio Troisi: “Chi ben comincia è alla metà dell’opera, si dice, ed io, in qualità di presidente del GAL, mi ritengo molto soddisfatto di questo primo ciclo di incontri, che hanno fatto tappa nei nove comuni picentini. Ho visto tanta partecipazione, di Amministratori, professionisti, giovani, imprenditori agricoli e tanta gente comune, che ha interagito con i responsabili
del Team. E, poi , è stata tanta la disponibilità a “sedere al tavolo di presidenza” da parte dei Responsabili della Regione Campania: Rosanna Lavorgna, Giuseppe Gorga, Giovanni De Sio, Filippo Diasco, Massimo De Crescenzo, a cui va il nostro ringraziamento.

La Regione Campania c’è stata vicina in questi incontri, con la partecipazione di Franco Alfieri, Delegato all’Agricoltura del presidente Vincenzo De Luca e dell’On. Franco Picarone, Presidente Commissione Bilancio i quali, hanno dimostrato, con la loro presenza, di essere vicini al progetto GAL, pronti a sostenere le iniziative che saranno messe in campo dal CdA. A questo primo ciclo ne seguiranno altri con la presentazione di ulteriori Misure, che tra qualche settimana, saranno in uscita, per poi continuare il nostro viaggio di crescita del
territorio fino al 2022″.

Il Coordinatore, Eligio Troisi, ha ripercorso i momenti salienti che hanno visto il GAL, prima escluso e poi ammesso al 3 posto tra i 15 GAL regionali. “Abbiamo avuto momenti di grande preoccupazione, per la mancanza di riconoscimento, da parte della Regione Campania, del nostro GAL. Ma, poi, con determinazione e professionalità da parte dello Staff, che mi onoro di coordinare, c’è stata l’approvazione, premiando così la Strategia che avevamo messo in campo ed oggi possiamo ben essere soddisfatti di quello che stiamo avviando a concretizzazione. Abbiamo trovato una sede, priva di tutto quello che avrebbe
dovuto avere, per avviare un percorso che vedesse il GAL protagonista di una Strategia Europea proiettata verso una crescita socio-economica del territorio. Oggi possiamo ben dire di avere una struttura che è accogliente, completamente funzionale ed a norma e sempre aperta al pubblico”.

Giuseppe Gorga, Dirigente UOD Provinciale Salerno Regione Campania, nel suo intervento conclusivo ha evidenziato la presenza della Regione Campania, con i responsabili delle Misure che hanno portato, nei vari incontri, la loro esperienza tecnica e competenza, aggiungendo “La storia del GAL Colline Salernitane è nota, per aver saputo recuperare il tempo perso e questo può succedere solo se lo Staff è composto da persone competenti, organizzate e piene di entusiasmo. Devo fare i complimenti all’intera struttura del GAL per
aver saputo mettere in campo una Strategia vincente e mirata.”

“Il CdA – ha continuato Gorga- ha dato un grande rilievo al “Pacchetto Integrato Giovani”. I giovani devono essere da esempio per il territorio picentino, investendo il loro futuro in queste terre, con progetti validi e ricchi di aspettative. Voglio anche ricordare che non basta un finanziamento, se poi il progetto non è valido, infatti, prima o poi, finirà. Le risorse devono servire per moltiplicare le possibilità di crescita del territorio. Otto milioni di euro non sono tantissimi ma, se ben ripartiti, tra le varie misure, porteranno una ricchezza, non solo per chi investe, ma per l’intero comprensorio dei picentini.”