HomeCronacaFurti nel centro storico di Salerno: arrestato 45enne

Furti nel centro storico di Salerno: arrestato 45enne

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
929,006
Totale Casi Attivi
Updated on 1 July 2022 21:40
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Un pregiudicato di 45 anni è stato arrestato dai Carabinieri di Salerno perché accusato di aver messo a segno rapine e furti

In data 17 giugno 2022, ufficiali di PG in servizio presso la Compagnia CC di Salerno hanno eseguito un’ordinanza cautelare applicativa della detenzione in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Salerno su conforme richiesta della Procura della Repubblica di Salerno, nei confronti di un soggetto di 45 anni, già pregiudicato, al quale risultano contestati numerosi reati di rapina e furto aggravato verificatisi presso molteplici esercizi commerciali presenti nel centro storico della città di Salerno.

In particolare, il provvedimento cautelare scaturisce dall’attività d’indagine condotta dai Carabinieri della Stazione di Salerno Principale, i quali da novembre 2021 a maggio 2022, attraverso la ricerca e raccolta di denunce e testimonianze, analisi delle immagini di centinaia telecamere pubbliche e private, analisi dei tabulati telefonici e accertamenti bancari, hanno individuato il presunto autore di circa 30 rapine e furti.

Le azioni delittuose poste in essere, simili per modus operandi, sono state perpetrate sia di giorno sia in orario notturno e sempre con lo stesso modus operandi; in particolare lo stesso, facendo leva sull’effetto sorpresa nonchè sulla velocità e sull’aggressività delle proprie condotte, aveva come principale obiettivo dipendenti e proprietari di attività commerciali dalle quali sottraeva costosi generi alimentari ed articoli di pelletteria, personal computer e accessori di elettronica, telefoni cellulari, borse e portafogli.

Ed ancora lo stesso era solito impossessarsi del denaro contante presente nelle casse dei negozi poiché dopo aver individuato i relativi registratori di cassa, si faceva consegnare il contenuto minacciando il dipendente o il proprietario per poi scappare a piedi per le strette vie del centro storico.