Firmato l’accordo per l’attuazione del progetto di valorizzazione presentato al MiBACT

Firmato l’accordo tra Comune di Salerno e 12 Comuni della Costiera Amalfitana per l’attuazione di un progetto di valorizzazione culturale del territorio presentato al MiBACT

La firma da parte del sindaco Vincenzo Napoli, presente l’assessore Roberto De Luca, dell’accordo per
l’attuazione del progetto di valorizzazione presentato al MiBACT dal Comune di Salerno e da 12 Comuni della
costiera amalfitana, manifesta ancora una volta l’impegno dell’amministrazione comunale per le politiche
culturali.

Questa opportunità permetterà di continuare il grande processo di recupero del centro storico e dei
monumenti cittadini avviato da anni (su tutti basti citare i restauri della chiesa dell’Annunziata, del teatro
Verdi, di palazzo Fruscione, del complesso di Santa Sofia, di villa Carrara e del giardino della Minerva, dei
conventi di San Nicola de Palma e San Lorenzo) e promuovere sempre più un turismo culturale attrezzato ed
attrattivo che valorizzi Salerno per le sue bellezze storico artistiche.

Bisogna migliorare l’accoglienza, mettere ordine nella segnaletica turistico-culturale e combattere situazioni
di degrado, fronti sui quali l’amministrazione sta spendendo sempre più energie.

In questo processo i Giovani Democratici della provincia sono in prima linea e hanno dimostrato di essere
pronti a dare un contributo non retorico, partendo dalla campagna Historytelling (selezionata dal ministro
Martina tra le migliori pratiche locali del partito nell’ambito dei Diari Democratici) per promuovere tra i
giovani militanti e appassionati le bellezze del nostro territorio; per arrivare alle singole iniziative puntuali
messe in campo per il nostro patrimonio (recupero della chiesa di Santa Maria de Alimundo, restauro della
chiesa di San Giorgio, contrarietà alla vendita del palazzo dell’Archivio di Stato, tutela delle scritte
angloamericane del Liceo ‘T. Tasso’, ottimizzazione della rete provinciale di musei e biblioteche, recupero
dell’orto botanico di Scafati e del castello del Parco di Nocera Inferiore ecc.).

adnow
loading...