HomeEventiSalerno: l'8 settembre ritorna il FantaExpo, il programma ufficiale

Salerno: l’8 settembre ritorna il FantaExpo, il programma ufficiale

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
507,169
Totale Casi Attivi
Updated on 3 December 2022 16:40
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Il FantaExpo ritorna a Salerno, al parco dell’Irno, per una settimana ricca di eventi. Ecco il programma ufficiale

Al Parco dell’Irno di Salerno torna FantaExpo, il Festival del fumetto, dell’animazione e  della fantasia in programma dall’8 all’11 settembre. Ricca di ospiti e di attività, la decima edizione dell’evento è stata illustrata nei dettagli a Palazzo di Città, alla presenza del sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli.

FantaExpo torna in presenza, dopo due anni di stop causati dalla pandemia, e propone un programma variegato.

«E’ una bellissima iniziativa – ha dichiarato il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli –, un evento che negli anni scorsi ha portato in città tantissimi giovani e non solo, anche da fuori regione». «FantaExpo è molto ben strutturato – aggiunge il primo cittadino – , in perfetta sintonia con le sensibilità delle nuove generazioni, con un occhio attento agli aspetti culturali, oltre che a quelli di costume; finalmente quest’anno si torna in presenza e siamo certi che ci sarà il pienone come in passato».

«La pandemia ha cambiato un po’ tutto – ha affermato in conferenza il direttore artistico di FantaExpo, Alessandro Crescenzo – quindi,  anche i trend sono cambiati molto, il mondo del web si è spostato da youtube a twicth e noi abbiamo fatto anche un’esperienza con il festival online proprio sulla nuova piattaforma; questo ci ha consentito di avere ospiti che provengono da quell’universo, come Dario Moccia e tanti altri». «Riconfermiamo Marco Merrino come nostro direttore creativo – conclude –  avremo rappresentazioni teatrali, concerti ogni giorno (Nello Taver, Ketama126, Giorno Vanni), ma FantaExpo non è solo intrattenimento, propone contenuti formativi ed educativi per i ragazzi, restiamo un simbolo di inclusività».