Home Politica ETICA: la risposta dei Commercialisti di Salerno alle elezioni

ETICA: la risposta dei Commercialisti di Salerno alle elezioni

Covid-19

Italia
49,618
Totale Casi Attivi
Updated on 28 September 2020 0:16
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

Il rispetto dei principi morali nello svolgimento della professione ed il raggiungimento del bene comune in ogni ambito della società civile sono i principali obiettivi di ETICA

I Commercialisti di Salerno rispondono alle elezioni con il gruppo ETICA.
Sempre più spesso si parla di restituire alla vita sociale contenuti etici e morali in grado di assicurare comportamenti individuali e di gruppo che siano adeguati alle attuali complesse esigenze della civile convivenza. Le imminenti elezioni del 20-21 settembre inducono tutti i cittadini, con una nuova consapevolezza, a scegliere, quali rappresentanti delle istituzioni, candidati che siano in grado di dare risposte concrete, proprio sul piano comportamentale, alle infinite, impellenti, necessità della società civile, ad un’utilizzazione razionale delle risorse, umane e materiali, che operino per una condivisione non egoistica della ricchezza e, più in generale, delle opportunità.

Un interessante esempio di un ottimale percorso democratico per l’attribuzione delle cariche viene proposto per le elezioni dei componenti del Consiglio dei dottori commercialisti e degli esperti contabili della circoscrizione del Tribunale di Salerno che si terranno nei giorni 3 e 4 novembre 2020. Un gruppo di professionisti, riunendosi con l’acronimo E.T.I.C.A. (Empatia Trasparenza Inclusione Commercialisti Associati) invoca un immediato grande cambiamento promuovendo il rispetto dei principi morali nello svolgimento dell’attività professionale e, più in generale, il raggiungimento del bene comune in ogni ambito della società civile.

E.T.I.C.A. non assegna “dall’alto” posti nella lista ma spinge tutti gli iscritti a partecipare attivamente alle Istituzioni, promuovendo l’impegno di coloro chi spesso si fa da parte lasciando spazio a chi “comunica” piuttosto che “fa”. Secondo il gruppo “sono proprio quelli che si fanno da parte che vanno spinti a candidarsi; solo così lo spirito di servizio può prendere il posto dell’ambizione personale, della ricerca del potere e la gestione delle istituzioni può essere improntata sui valori morali. E.T.I.C.A. garantisce una “par condicio” sostanziale a tutti gli iscritti, favorisce la democratica partecipazione alla vita dell’Ordine, partendo dal momento più importante: l’elezione dei propri rappresentanti a livello locale e nazionale”. 

Per il conseguimento di tali finalità E.T.I.C.A.organizza per il giorno 16 settembre 2020, alle ore 18.00, presso il Mediterranea Hotel & Convention Center di Salerno, alla via Generale Clark n.54, una riunione aperta a tutti gli iscritti finalizzata alla condivisione del programma ed alla predisposizione della lista attraverso democratiche primarie per scegliere in quella sede sia i candidati Consiglieri che il candidato Presidente perché ogni collega merita le medesime opportunità. La sfida di ETICA è che a tale incontro partecipino anche le due liste che si dovrebbero contrapporre ad essa nella prossima competizione elettorale.

“Il sogno di E.T.I.C.A.? Una nuova modalità di scelta dei rappresentanti che comporranno le istituzioni: candidature individuate alla luce del sole, in una riunione aperta a tutti gli iscritti in cui, definiti gli obiettivi del programma, i singoli siano spinti a partecipare attivamente con spirito di servizio senza indietreggiare davanti ai “professionisti della rappresentatività”. Naturalmente per raggiungere lo scopo è essenziale che in queste “primarie” venga adottata la preferenza unica, cautela indispensabile per evitare cartelli subdoli che compromettono la qualità degli eletti favorendo la subordinazione a chi ha maggior consenso. E’ questo l’unico processo in grado di eliminare blocchi di potere di accesso alle cariche; infatti, nella prassi, già la modalità di scelta dei candidati, subordina il bene comune alla gestione del potere di chi li ha prescelti. Non c’è dubbio che quella posta in essere da ETICA (Empatia Trasparenza Inclusione Commercialisti Associati) sia un’iniziativa che esalta la democraticità ed i valori etici e costituisca un’esperienza di cui la società civile dovrebbe far tesoro in ogni tipologia di competizione elettorale”.

LiveZon
zerottonove