Eternit abbandonato in due discariche abusive in Irpinia



Trovate dai Carabinieri della Compagnia di Montella delle lastre di Eternit in due discariche abusive in Irpinia, a Cassano Irpino e Calabritto

I Carabinieri della Compagnia di Montella hanno rilevato, nel loro territorio di competenza, uno smaltimento illecito di rifiuti e attività inquinanti in Alta Irpinia. Sono state individuate le due principali aree a rischio dove, in discariche abusive ampie e a cielo aperto, erano state sversate lastre di Eternit e altri tipi di rifiuti. una di queste aree è Cassano Irpino, dove è stata ritrovata un’area demaniale di 4800 mq in cui c’era da stoccare ogni tipo di rifiuto, una differenziata quasi inesistente: oltre a lastre di Eternit anche materassi, elettrodomestici e pneumatici.

eternitIl lavoro dei Carabinieri di Montella ha portato alla scoperta di un altro sito a rischio in Irpinia e cioè quello di Calabritto. A Calabritto i carabinieri del comando locale hanno rinvenuto sotto un cavalcavia lastre di Eternit abbandonate. Il rischio di inquinamento del sottosuolo e la dipersione nell’area, che appartiene ai comuni di Calabritto e Cassano Irpino, ha portato alla chiusura dell’area demaniale da parte dell’Autorità Giudiziaria.

Il rischio è alto e non si può aspettare ancora senza agire; perché, come si apprende dalle cronache di questi anni, l’Eternit ha danneggiato ed inquinato aree molto più vaste di questi comuni e in meno tempo. Adesso la palla passa alle amministrazioni comunali delle due aree che hanno il dovere di bonificare le aree demaniali sottosequestro e rimuovere in maniera consapevole le lastre di Eternit. La pericolosità di tali siti non è stata ancora dichiarata dagli inquirenti, ma si spera che per il momento l’Eternit abbia trovato qualche ostacolo prima di penetrare nel terreno e non si sia diramato nell’area circostante.

La Regione Campania è quindi sempre più sviluppatrice di situazioni di impatto ambientale senza precedenti e con leggi non rispettate, anzi fuori legge. Tutto questo è causa anche dell’indifferenza alle regole sui rifiuti e un menefreghismo che uccidono.

Leggi anche