Home Cronaca Enpa, uccelli detenuti liberati da Polizia e Carabinieri

Enpa, uccelli detenuti liberati da Polizia e Carabinieri

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
805,947
Totale Casi Attivi
Updated on 23 November 2020 14:47
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

Ennesima operazione antibracconaggio delle guardie Enpa di Salerno nell’Agro Nocerino. Liberate diverse specie di uccelli detenute in pessime condizioni

 Enpa. Questa volta in piena area Parco regionale fiume Sarno, dove è stato individuato un appostamento di caccia agli anatidi con tanto di stampi in plastica, richiami vivi e capanno con cartucce e bombe carta.

L’operazione ha avuto inizio prima dell’alba su segnalazione di alcuni cittadini. Un primo appostamento ha permesso di individuare l’area, nel comune di Scafati.

Enpa
Enpa, uccelli detenuti liberati da Polizia e Carabinieri

Una volta sul posto gli agenti hanno notato una grossa gabbia a forma di colonna contenente dei Tordi e lungo la sponda del fiume un appostamento con stampi riproducenti Germani reali, Alzavole, Canapiglie, Pavoncelle, Chiurli e Pivieri.

In una gabbia erano detenuti tre Germani reali in condizioni igieniche precarie, ed a pochi metri un appostamento di caccia non autorizzato costruito con materiale ferroso e canna comune. All’interno dell’appostamento venivano rinvenute cartucce integre e quattro bombe carta, la più grande con almeno 4 kg di polvere da sparo.

È stato proprietario del fondo, il quale dichiarava di essere proprietario dei richiami vivi non inanellati e dei Tordi bottaccio. Venivano contattati i Carabinieri della locale Stazione per la corretta gestione degli ordigni e per il sequestro. Gli animali e gli stampi venivano sequestrati poiché sistemati in area Parco.

Il soggetto è stato deferito all’Autorità Giudiziaria, gli animali idonei al volo venivano liberati sul posto e gli altri trasportati presso il CRAS di Napoli.

” Il fiume Sarno costituisce zona Parco Regionale e vige il di divieto di attività venatoria, ma lungo il suo corso sono disseminati centinaia di stampi in plastica per attirare avifauna da abbattere, oltre a reti e nasse per la pesca di frodo” – commenta Rocco Caiazza, guardia dell’Enpa di Salerno – ” agli animali non viene concessa nessuna tregua”.

L’Enpa ringrazia i militari dell’Arma dei Carabinieri e la Polizia Municipale per il fattivo e tempestivo intervento e ricorda alla cittadinanza che il 05 marzo avrà inizio il corso per aspiranti Guardie zoofile. Per maggiori informazioni e segnalazioni: salerno@enpa.org