Eduardo De Filippo, la figura e le opere sconosciute al grande pubblico

sipario il gioco serio del teatro

Dal 17 Aprile, a Sant’Apollonia, uno stage teatrale diretto da Enzo Attanasio per conoscere le opere meno note del grande Eduardo De Filippo

Eduardo Sconosciuto è un incontro gioioso con un grande autore del novecento, un modo per conoscere il suo teatro, in particolare le opere meno conosciute o sconosciute al grande pubblico. Un approfondimento, uno studio sulla figura, la drammaturgia e l’opera poetica di Eduardo De Filippo. Lo stage è diretto da Enzo Attanasio, attore e regista napoletano, ed è rivolto a tutti, senza alcun limite d’età. Si terrà a Salerno presso la chiesa di Sant’Apollonia, realizzato dalla ass. culturale il teatro del Sorriso con la collaborazione della ass. culturale bottega di San Lazzaro e con il patrocinio del Comune di Salerno.

7 incontri da mercoledì 17 aprile (Open Day per tutti) allo spettacolo in 2 repliche sabato 25 e domenica 26 maggio. Il lavoro è incentrato in particolare sulla interpretazione e la messinscena di un’opera sconosciuta al grande pubblico, il poemetto “Baccalà”, allestita con la collaborazione creativa di tutti i partecipanti allo stage. Lo spettacolo concepito e messo in scena nel 2012 da Attanasio, autorizzato da Luca De Filippo, è il risultato del lungo e appassionato lavoro di studio sulla drammaturgia e la poetica di Eduardo, tutto riversato in questo atto unico assolutamente inedito.

Al primo incontro (open day) i partecipanti assisteranno allo spettacolo in forma di monologo, per entrare subitoin un mondo teatrale. Alla nuova messinscena L’allestimento è arricchito dalle musiche originali di Marco Zurzolo, l’ideazione scenica di Tonino Di Ronza, i costumi di Annalisa Ciaramella, la regia dello stesso Attanasio, ma soprattutto dalle interpretazioni di tutti gli stagisti, “spettatori attivi”, moderno coro greco. Vivranno e ci faranno vivere la storia di Baccalà. Lo faranno in versi, prosa, musica, balli e lazzi, come in un concerto per voci e movimenti scenici, un racconto napoletano e universale, poetico e tragicomico. Ad ogni stage con un nuovo gruppo di partecipanti, ci si arricchisce delle loro emozioni e di tutto quello che sanno donare e ricevere nel lavoro fatto insieme.

La partecipazione allo stage è gratuita. Verrà chiesto solo un impegno nella vendita dei biglietti dello spettacolo. L’incasso coprirà le spese sostenute per la realizzazione dello stage. Lo stage è già stato realizzato in scuole di teatro, laboratori di recitazione, accademie di danza e canto: Casoria, Cava de Tirreni, Napoli (Ponticelli), Ottaviano, Pomigliano d’Arco, Portici, S. Giorgio a Cremano.