Eboli, il chiostro di San Francesco ospiterà il Festival della Chitarra

Il 6° Festival internazionale della Chitarra in due giorni, il 1 e 2 luglio, nel chiostro del Complesso Monumentale di San Francesco

Il 6° Festival internazionale della chitarra Città di Eboli, quest’anno ribattezzato “Dalla Via del grano alle vie del mondo”, in programma l’1 e 2 luglio nel Chiostro del Complesso monumentale di San Francesco, con la direzione artistica del M.° Giuseppe Del Plato e la consulenza storica di Damiano Faccenda.

Il festival è organizzato dalle associazioni Eboli Musica e La Via del Grano, con il patrocinio del Comune di Eboli, main sponsor Azienda agricola Punzi, in collaborazione con Strumenti Musicali De Luca, Coldiretti Campania, Eboli nella storia, il M° Pasquale Ciao, Weboli, E’CCA’, Agenzia Fimmutui, EBAD, Zonzart, Controne custom guitars, Sud Tv, Radio MPA, Liceo Musicale “Perito-Levi-Daniele” di Eboli. La partnership ha una motivazione precisa: la Via del Grano è un’antica via settecentesca che collegava la capitale del Regno di Napoli alla Puglia, crocevia di culture, patria di alcuni tra i più eminenti compositori (M. Giuliani, G. Da Venosa, G. Paisiello, D. Scarlatti, F. Carulli).

«Ospitiamo il festival nel chiostro di San Francesco, dove si svolgono gli eventi più importanti della città e questo ha il suo significato – ha detto il sindaco, Massimo Cariello -. Un festival che si arricchisce, perché oltre alle esibizioni avremo anche esposizione di liuteria, premi e grandi partecipazioni». Importante supporto quest’anno di Coldiretti. «Coinvolgeremo aziende che si affacciano sulla Via del Grano», ha annunciato la responsabile femminile, Antonella Dell’Orto. Infine il patron del festival, il M° Giuseppe Del Plato: «La partnership con La Via del Grani ci fa aprire a forme diverse di arte e di cultura. Dovrei ringraziare tanti che ci hanno garantito collaborazione, fra tutti associazioni, aziende, singoli del territorio, a partire dall’Amministrazione comunale di Eboli. Abbiamo fatto una scelta precisa nei concerti, seguendo il filo dell’antica strada, con autori che vanno da Napoli e fino alla Puglia».