Home Cronaca Eboli, diagnosticati i primi due casi in Italia di «bilharziosi»

Eboli, diagnosticati i primi due casi in Italia di «bilharziosi»

Covid-19

Italia
12,456
Totale Casi Attivi
Updated on 3 August 2020 13:17
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

Ricoverati all’ospedale di Eboli due giovani del Mali. Immediate le misure di profilassi: chiesto l’aiuto di una farmacia di Città del Vaticano

[ads1]

- Advertisement -

Due giovani malesi sono ricoverati presso l’Unità Operativa di Oncodermovenereologia e Medicina delle Migrazioni dell’ospedale di Eboli. Ai due extracomunitari, entrambi ventenni, è stato diagnosticato il primo caso in Italia di bilharziosi o febbre della lumaca.

La bilharziosi, conosciuta anche come schistosomiasi  è una malattia frequente maggiormente nei paesi del Terzo Mondo. Alla base della patologia è un’infezione parassitaria, che colpisce le vie urinarie. Non si tratta di una patologia letale, ma nel caso in cui le uova e le larve riescano ad infestare il midollo spinale e il  cervello si ipotizza la formazione di granulomi cerebrali o forme di mielite.

Trattandosi del primo caso registrato in Italia, non sono disponibili i medicinali per fronteggiare e uccidere i parassiti insediatisi nel corpo dei pazienti. Come rilevato dal quotidiano La Città, i medici hanno chiesto l’aiuto di una farmacia di Città del Vaticano, fornita dei farmaci utili per curare la malattia.

I due ventenni, giunti in Italia circa sei mesi fa, erano ospitati in un centro d’accoglienza ad Atena Lucana.

Il trasferimento presso l’ospedale di Eboli, in seguito ai sintomi manifestati,  è stato disposto dai medici del reparto di malattie infettive dell’ospedale “Luigi Curto” di Polla, dove erano ricoverati. Attualmente il loro stato di salute è in continuo miglioramento ed è stata attuata una segnalazione presso l’Ufficio di Prevenzione Collettiva, in base a quanto previsto dal protocollo per casi del genere.

 

[ads2]

 

LiveZon
zerottonove