Home Attualità De Luca rinuncia al lockdown, ipotesi zona rossa nell'area metropolitana di Napoli

De Luca rinuncia al lockdown, ipotesi zona rossa nell’area metropolitana di Napoli

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
796,849
Totale Casi Attivi
Updated on 24 November 2020 1:48
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

Dopo il vertice con il Governo, De Luca sembra essere pronto a rinunciare al lockdown limitandosi a istituire “Zona Rossa” su tutta l’area metropolitana di Napoli

Niente fughe in avanti, niente lockdown in Campania  “Zona Rossa” su tutta l’area metropolitana di Napoli. Questo quello che emerge dal vertice con il Governo dei vertici della Regione, in particolare il Presidente Vincenzo De Luca.

L’indicazione del Governo è quella di non assumere drastiche misure restrittive a livello nazionale. In queste condizioni diventa improponibile realizzare misure limitate a una sola regione, al di fuori quindi di una decisione nazionale, che comporterebbe anche incontrollabili spostamenti al di fuori dei confini regionali. In questa situazione l’unica decisione realistica e immediata è quella di affrontare i due o tre fronti di maggiore diffusione del contagio“. Tradotto, Zona Rossa nell’area metropolitana di Napoli, dove è presente oltre il 60% dei contagi.

Nel corso della riunione il Governatore De Luca ha inoltre chiesto di mantenere l’orario di chiusura alle 23 e non anticiparlo alle 18. In assenza di altre misure restrittive, infatti, l’obiettivo è quello di non gravare eccessivamente su determinate categorie produttive. Da Palazzo Santa Lucia arriva poi il pressing per un efficace piano socio-economico che garantisca una serie di aiuti a famiglie, commercianti e imprese.

Questo il contenuto integrale della note della Regione Campania:

Nel corso della riunione della Conferenza delle Regioni, alla presenza dei ministri Speranza e Boccia e del Commissario Arcuri, è emersa l’indicazione del Governo di non assumere drastiche misure restrittive a livello nazionale. In queste condizioni diventa improponibile realizzare misure limitate a una sola regione, al di fuori quindi di una decisione nazionale, che comporterebbe anche incontrollabili spostamenti al di fuori dei confini regionali. In questa situazione l’unica decisione realistica e immediata è quella di affrontare i due o tre fronti di maggiore diffusione del contagio.
Il Governo ha sottoposto ai Presidenti delle Regioni la proposta di chiusura dei locali (bar e ristoranti) alle ore 18 e la decisione di portare al 75% la didattica a distanza nelle scuole.
Nel corso della riunione il Presidente De Luca ha ritenuto indispensabile per la situazione epidemiologica attuale, portare al 100% la didattica a distanza e in relazione agli orari di apertura dei locali ha ritenuto improponibile la chiusura alle ore 18, riconfermando quindi la volontà di mantenere gli orari già previsti dall’ordinanza regionale, con chiusura alle 23. In assenza di una misura restrittiva generale non ha senso adottare norme che mettono in ginocchio intere categorie.
L’obiettivo realistico da perseguire, in questa situazione, è duplice: bloccare la movida come luogo principale di diffusione del contagio e adottare la didattica a distanza nelle scuole vista la crescita dell’epidemia. Sono stati illustrati nella riunione i dati relativi alle due settimane successive all’apertura delle scuole in Campania nel corso delle quali i contagi sono aumentati di nove volte e senza sostanziali differenziazioni di fasce di età.
Il Presidente De Luca ha quindi chiesto di inserire nel Dpcm misure straordinarie per la concessione di congedi parentali riservati ai genitori di alunni della scuola primaria e bonus per l’acquisto di computer.
In relazione alla categorie produttive, il Presidente De Luca ha chiesto una moratoria di tre mesi per i pagamenti ai fornitori e per i prestiti bancari. Inoltre per l’edilizia il rilascio di permessi a costruire per via informatica e l’approvazione di una misura immediata che consenta la stipula di contratti con le strutture private accreditate per l’incremento di posti letto.
Premessa di tutte le indicazioni emerse è l’approvazione di un piano socio economico immediato sul modello di quello approvato nei mesi scorsi dalla Campania a sostegno di famiglie, imprese e pensionati“.