Consorzio di Bacino Salerno 2, sì al tavolo in Regione per i 45 lavoratori esodati



Consorzio di bacino

Vertenza Consorzio di Bacino Salerno 2, sì al tavolo in Regione Campania per i 45 lavoratori esodati e senza stipendio da giugno

Si è tenuta mercoledì, presso gli uffici dell’Ente d’Ambito di Salerno, la riunione per la vertenza relativa ai 45 lavoratori esodati del Consorzio di Bacino Salerno 2 e che non prendono stipendi da giugno.

Nell’incontro di mercoledì, alla presenza delle organizzazioni sindacali, il presidente dell’Ente, Giovanni Coscia, e il direttore, Bruno Di Nesta, si sono assunti l’impegno di spostare la trattativa sul tavolo regionale. All’incontro era presenta anche il commissario liquidatore del Consorzio, Giuseppe Corona.

“Si tratta di una crisi provocata da qualcuno e dunque c’è qualcosa che non va. Se prima tutti lavoravano, come mai ora ci sono 45 esodati? Facciamo appello all’assessore regionale all’Ambiente, Fulvio Bonavitacola, e al presidente della Provincia di Salerno, Michele Strianese, per un tavolo regionale dove prevedere un piano di reimpiego delle maestranze e un piano straordinario che dia certezza di reddito nel breve periodo per non ridurre alla fame le famiglie”, ha detto Angelo Rispoli, segretario generale della Fiadel provinciale.

“Ricordiamo al commissario Corona che la priorità è pagare i lavoratori appena c’è liquidità nelle casse del Consorzio. Inoltre, rammentiamo a tutti i Comuni che il Consorzio bacino Salerno 2 è obbligatorio. L’indennità di mobilità del Consorzio resta a carico dei Comuni in quanto soci”.

Leggi anche