Unisa: bastano poche risorse economiche per dare certezza ai lavoratori precari

cisl unisa

Da mesi la Cisl Unisa sta sollecitando Rettore e Prorettore attuali per un incontro politico per risolvere l’annoso problema dei lavoratori precari

La nota

Sono settimane, se non proprio mesi, che sui social – istituzionali e non – dell’Università degli Studi di Salerno leggiamo di notizie ed eventi positivi che vedono coinvolto il nostro ateneo; questo grazie anche al lavoro di tutte le componenti, da quella accademica a quella tecnica e amministrativa. Sempre da mesi la Cisl Unisa sta sollecitando Rettore e Prorettore attuali per un incontro politico per definire ed eventualmente risolvere l’annoso problema che vede coinvolti dieci lavoratori precari che prestano servizio presso le biblioteche dell’ateneo salernitano. Ci sono lavoratori che per raggiungere l’ateneo tutti i giorni percorrono più di 200 chilometri e guadagnano poco più di 800 euro al mese (guadagnano meno del reddito di cittadinanza).

Essendo lavoratori con qualifica di agenti ausiliari, non occorrerebbero grosse risorse economiche per una sistemazione full-time; al contempo, si terrebbe conto che la componente studentesca chiede da tempo un prolungamento dell’apertura dei campus di Fisciano e Baronissi e, in particolare, delle biblioteche. Soluzione promessa da alcuni candidati durante la campagna elettorale per eleggere il successore del Rettore attuale. Un’ulteriore occasione per mettere in risalto una notizia positiva per l’Ateneo di Salerno e per pubblicare una bella foto sui social con tutti i lavoratori precari stabilizzati. Potrebbe essere la ciliegina sulla torta per il Rettore e soprattutto per i lavoratori e le loro famiglie!!!

Il Responsabile Provinciale
Pasquale Passamano