Ceraso, non ce l’ha fatta il sedicenne caduto dalla moto



campania

È morto il 16enne coinvolto in un incidente stradale avvenuto nella frazione di San Biase a Ceraso: aveva lottato per otto giorni

Il cuore del sedicenne rimasto coinvolto in un incidente a Ceraso ha smesso di battere ieri sera nel reparto di rianimazione dell’ospedale San Luca di Vallo della Lucania. Le ferite riportate in seguito alla caduta in moto lo scorso 28 agosto erano troppo gravi e dopo otto giorni di coma, come riportato da salernonotizie, per lui non c’è stato più nulla da fare.

B.F., queste le iniziali del sedicenne, e suo fratello, originari di San Biase, piccola frazione di Ceraso, stavano rientrando a casa quando il mezzo è uscito fuori strada andando ad impattare contro un muro. Nell’impatto, il sedicenne, aveva riportato un grave trauma cranico, invece il fratello gravi lesioni alla milza ma non è stato mai in pericolo di vita.

I carabinieri di Vallo della Lucania, al comando del capitano Mennato Malgieri, hanno effettuato i rilievi del caso per ricostruire la dinamica del sinistro.

Leggi anche



Articolo precedenteGioi, bambina cade dalla bicicletta: gravi le condizioni di salute
Prossimo articoloAprirà il 28 settembre a Salerno il nuovo Centro Commerciale “La Fabbrica”
Avatar
Classe 1993, Laureata con lode in Lettere moderne presso l'Università degli Studi di Salerno, discutendo una tesi dal titolo "Aspetti dello sperimentalismo ovidiano: ars amatoria e remedia amoris". Attualmente impegnata nel corso di laurea magistrale in Filologia moderna. «M’abbandono all’adorabile viaggio: leggere, vivere dove guidano le parole», afferma Paul Valery e allo stesso modo, appassionata di lettura e di scrittura, credo fermamente nell'importanza e nella capacità persuasiva delle parole. Scrivere, per me, significa condividere: partecipare insieme, offrire del proprio ad altri, un'esperienza che affratella e, se vissuta da più punti di vista, più ricca, fertile di discernimento, di emozione comunicante, tutto ciò che la collaborazione con il team di Zerottonove, sono sicura, mi donerà. Propositiva, caparbia, sono attratta dalla possibilità di arricchire sempre più il mio bagaglio culturale, abbracciando qualsiasi esperienza che, nei limiti del possibile, si presenti, mai rinunciando a priori, perché ogni esperienza potrebbe essere un'occasione di svolta.