Cava5stelle: “Amministrazione Galdi, zero in trasparenza”

cava de' tirreni

“In attesa di essere convocati per discutere la proposta Rifiuti Zero, uno zero in condotta l’amministrazione Galdi se lo è già guadagnato!”: così inizia la nota del movimento Cava5stelle.

Sul sito governativo “La Bussola della Trasparenza”, viene evidenziato, nel riquadro “Avviso Importante”: “Si ricorda a tutte le pubbliche amministrazioni che, oltre a strutturare le sezioni così come richiesto dall’allegato A al Dlgs. 33/2013, occorre inserire i contenuti così come richiesto dalla norma”.

A Cava de’ Tirreni, invece, è stato fatto un grossolano restyling di facciata, anche “mal riuscito”, secondo il gruppo web Cava5stelle: infatti se lo si guarda in termini di “cultura della usability” il portale è poco fruibile, le poche informazioni che sono presenti non sono facilmente raggiungibili e indicizzate.

È trascorso oltre un anno da quando Cava5stelle denunciò la carenza di trasparenza. Da allora, riunioni e promesse a iosa, un po’ di apparenza, ma pochi passi avanti concreti. Addirittura mancano dal sito comunale i bilanci preventivi e consuntivi, la cui pubblicazione è obbligatoria per legge e non sono disponibili tutti i piani economici a supporto delle tariffe TARSU, come invece prevede il relativo Regolamento comunale. Insomma i cittadini devono pagare, ma non devono sapere perché stanno pagando.

Cava5stelle

Il Comune è obbligato a pubblicare i suoi atti fondamentali e i cittadini devono essere messi in condizione di sapere come vengono spese le tasse che pagano, lo prevede la Legge. Un’Amministrazione dovrebbe farlo senza bisogno di sollecito.

Il controllo sulle attività dei Comuni deve essere diffuso, i cittadini devono poter partecipare. Cava5stelle ha diffidato il Comune con tre istanze di pubblicazione, tutte concernenti la gestione finanziaria: la prima sulla raccolta differenziata, la seconda sulla TARSU, la terza sui bilanci.

Trascorsi i tempi previsti, senza che il Comune abbia provveduto alle pubblicazioni richieste, s’invierà una circostanziata denuncia all’autorità competente.

Nel frattempo l’istanza di pubblicazione, contenente tutte le omissioni di cui è responsabile il Comune, è stata inviata anche all’Autorità nazionale anti-corruzione.

Articolo precedenteIl patto di stabilità blocca ingenti risorse in Campania
Prossimo articoloParco del Cilento, nasce la rete per la sua tutela
Avatar
Laureato in Lettere, curriculum Pubblicistica, il 25 maggio 2010 e poi in Filologia Moderna il 13 marzo 2013, Gerardo inizia la sua collaborazione con ZerOttoNove nel giugno 2013 occupandosi della cronaca e delle vicende politiche di Calvanico (sua cittadina di residenza), trattando dei più svariati eventi e curando la rubrica CanZONando che propone, di volta in volta, l'attenta e puntuale analisi dei migliori brani della storia della musica. Ex caporedattore di ZerOttoNove.it e di ZON.it, WordPress & SEO specialist, operatore video e addetto al montaggio (in casi estremi), Gerardo ha molteplici interessi che spaziano dallo sport alla letteratura, dalla politica alla musica all'associazionismo. Attualmente svolge l'attività di docente, scrittore e giornalista pubblicista.