HomeAttualitàCava de' Tirreni, va deserta la gara per il "Velodromo"

Cava de’ Tirreni, va deserta la gara per il “Velodromo”

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
893,175
Totale Casi Attivi
Updated on 19 May 2022 21:13
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

La gara d’appalto per la concessione in affidamento del Velodromo è andata deserta. Troppo stringenti e impegnativi i requisiti per l’assegnazione

Il bando per la concessione in affidamento del “Parco dello sport per tutti”, area Velodromo, è andata deserta. Come riporta “La Città”, infatti, i tempi e i requisiti per l’assegnazione della concessione sono stati giudicati troppo stringenti, come già anticipato dal consigliere comunale Eugenio Canora. La gara prevedeva infatti una base di 1 milione e 800mila euro al quale bisognava aggiungere la successiva riqualificazione e ristrutturazione dell’impianto.

Purtroppo il bando è andato deserto però ci sono stati quattro interessamenti ufficiali con tanto di sopralluoghi. Purtroppo però le garanzie che avevamo richiesto erano troppo onerose soprattutto in termini soprattutto di tempo. In sostanza le banche e le assicurazioni alle quali si sono rivolti i soggetti interessati non avevano il tempo materiale per produrre tutte le necessarie documentazioniha dichiarato il consigliere Canora che ha però ribadito come il progetto non si ferma: “Siamo intenzionati a far ripartire la procedura quanto prima. Non ci scoraggiamo, siamo arrivati fin qui e dobbiamo rendere utilizzabile quell’area dopo anni di abbandono“.

Costato un milione di euro ed inaugurato nel 2009, l’area del Velodromo non è stata infatti mai sfruttata ed è presto finita nel dimenticatoio. La questione è stata soggetto di numerose attenzioni nel corso degli anni e anche “Striscia la Notizia” si è interessata a questo enorme spreco di risorse con un servizio a cura di Vittorio Brumotti. Il passare del tempo e l’incuria hanno creato ora delle condizioni difficili da sistemare e la speranza dell’Amministrazione è ora quella di trovare soggetti capaci e seri che possano riqualificare e rilanciare un’area che può essere molto importante per la comunità metelliana.