Cava de’ Tirreni: pulizia dei pilastri e della pavimentazione del centro storico

Questa mattina si è svolta da parte della Ecolinegroup di Porto Sant’Elpidio, specializzata nella vendita, noleggio e assistenza di macchine e attrezzature per la pulizia urbana una dimostrazione outdoor dei possibili interventi delle sue macchine sul territorio. A organizzare la prova su input dell’Amministrazione comunale e dell’Assessorato all’Ambiente, la Metellia Servizi srl, nell’ambito dello svolgimento dei servizi di Igiene ambientale di competenza.

L’intervento, effettuato al c.so Umberto I dai responsabili della Ecolinegroup alla presenza dell’assessore all’Ambiente Fortunato Palumbo, di alcuni consiglieri comunali e del presidente e amministratore della Metellia Servizi, Giovanni Muoio, al c.so Umberto I, ha dimostrato la semplicità dell’operazione di eliminazione di scritte imbrattanti su un pilastro del corso porticato, nei pressi del civico 279, nonché la rimozione dal pavimento sottostante di numerose chewingum attraverso l’impiego di una unità mobile polifunzionale (mod. Grimm), prodotta dall’azienda fermana.

L’apparecchiatura protagonista questa mattina della dimostrazione è in grado di effettuare tutte le operazioni di lavaggio e riqualificazione urbana, passando da quello delicato per i monumenti a quello per l’eliminazione dei graffiti murali e al lavaggio a fondo di piazze. Assolutamente sicuro l’intervento che è stato eseguito su c.so Umberto I con l’impiego di bicarbonato di calcio e bicarbonato di sodio per la pulizia delle scritte murarie. Per la rimozione delle gomme da masticare, invece, è stata usata esclusivamente acqua calda a 140°.

“L’intervento dimostrativo eseguito con l’impiego di questa unità mobile polifunzionale– ha spiegato il Presidente della Metellia Servizi, Giovanni Muoio– è risultato molto efficace garantendo la piena pulizia delle scritte murarie e la rimozione dei chewingum dal pavimento nel luogo identificato. L’esito positivo della dimostrazione, comunque, non deve far dimenticare che un intervento di questo tipo mira a sanare una problematica che potrebbe e dovrebbe essere risolta a monte, ossia attraverso una maggiore collaborazione dei cittadini e un maggiore controllo del territorio diretto a prevenire e/o reprimere qualsiasi comportamento difforme alle disposizioni vigenti”. A rafforzare il concetto espresso dal presidente Muoio la voce di Fortunato Palumbo, assessore all’Ambiente: “L’utilizzo di attrezzature sofisticate significa dover spendere danaro pubblico. Spese di cui faremmo noi tutti a meno se la civiltà dei nostri concittadini lo permettesse. Di qui ribadisco l’invito ai cavesi a rispettare il bene comune e l’impegno dell’intera Amministrazione comunale, ad aumentare ogni sforzo per prevenire e reprimere i piccoli, grandi fenomeni di vandalismo, di cui le scritte sui muri e le cicche per terra che deturpano la città e la sua immagine, rappresentano un esempio molto negativo”.