HomeTerritorioCava de' TirreniCava de' Tirreni, sabato 18 dicembre la consegna del "Premio Comunicare"

Cava de’ Tirreni, sabato 18 dicembre la consegna del “Premio Comunicare”

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
2,731,279
Totale Casi Attivi
Updated on 23 January 2022 22:28
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Cava de’ Tirreni, sabato 18 dicembre la consegna del Premio all”informazione e alla diffusione culturale presso l’ Aula Consiliare “Sabato Martelli Castaldi” del Palazzo di Città

Il premio all’informazione, alla comunicazione e alla diffusione culturale “ComunICARE”, a cura dell’Associazione Amalfi-Cava de’ Tirreni “Lucio Barone”, sarà assegnato sabato 18 dicembre, alle ore 10, nell’Aula Consiliare “Sabato Martelli Castaldi” del Palazzo di Città ad Antonella Napoli, Pino Aprile e Roberto Matatia.

La manifestazione si aprirà con i saluti del sindaco Vincenzo Servalli a cui seguiranno quelli del presidente dell’Associazione Amalfi-Cava de’ Tirreni “Lucio Barone” Emiliano Amato. Le interviste saranno a cura di Francesco Romanelli, mentre la conduzione della serata è affidata ad Antonio Di Giovanni.

La giornalista Antonella Napoli, Direttrice di Focus on Africa, collaboratrice di testate nazioni ed internazionali e membro del comitato direttivo di Articolo 21, che da anni è impegnata per la protezione e promozione dei diritti umani, promuovendo campagne, eventi e iniziative istituzionali. Ha fatto luce – e continua a farla – sul caso di Giulio Regeni, dove c’è un’inchiesta insabbiata che non riesce a dare spiegazioni ai suoi cari e all’opinione pubblica. Lei non molla ed è in prima linea alla ricerca della verità.

Per Pino Aprile sarà un gradito ritorno a Cava: il giornalista e scrittore ha trattato con attenzione e passione la cosiddetta “Questione Meridionale”, portando alla conoscenza comune i soprusi subiti da quel Grande Sud nel periodo dell’unità d’Italia.

Roberto Matatia, imprenditore e scrittore di origini ebraiche, con i suoi libri ha raccontato e racconta l’orrore della Shoah. E’ nato a Faenza ed è cresciuto nel ricordo dei martiri della sua famiglia: ha raccolto nel tempo documenti, testimonianze e ricordi che hanno fatto da supporto al libro “I vicini scomodi”, in cui racconta la storia di Nissim, ebreo greco trasferitosi in Italia.

Al termine, la cerimonia di consegna dei riconoscimenti al lavoro agli attori del territorio che hanno cura della comunicazione.

Anche quest’anno è folta la pattuglia dei premiati: il cavese Enrico Passaro, responsabile dell’Ufficio del Cerimoniale di Stato e per le Onorificenze della Presidenza del Consiglio dei Ministri; la testata giornalistica web Ulisse Online di Cava de’ Tirreni; Raffaele Ferraioli, già sindaco di Furore; lo scrittore ed editorialista di Ravello Antonio Schiavo; Gerardo Di Agostino, amministratore della casa editrice Area Blu di Cava de’ Tirreni; l’amalfitano Gennaro Anastasio, già responsabile degli assistenti di volo di Alitalia per i viaggi di Papa Francesco.

Insigniti del riconoscimento “Pontegiovane”, spettante a personaggi, gruppi o situazioni giornalistiche in grado di aprire finestre di opportunità per i giovani emergenti, la nuova web radio nata a cava “Radio Play Tag”.

Premio speciale alla redazione de l'”Ora di Cronache” ritrovatasi improvvisamente orfana di uno dei propri pilastri: Marta Naddei, scomparsa prematuramente il 28 dicembre del 2019 all’età di 34 anni. È nel suo indelebile ricordo e col suo lascito, fatto di sacrifici e passione per la professione giornalistica, che prosegue, instancabile, il lavoro di tutti i suoi colleghi.  Nelle due precedenti edizioni sono stati insigniti del premio “ComunIcare” i giornalisti Federico Buffa, Paolo Borrometi, Anna Bisogno e Padre Enzo Fortunato.