Capaccio: lancio di sassi dal cavalcavia. Rischio per coppia di salernitani

amalfi

Ieri sera, a Capaccio, un gruppo di losche figure ha colpito con un sasso un’auto che in quel momento passava in corrispondenza del cavalcavia. In corso le indagini dei Carabinieri

Capaccio. Atti di vandalismo registrati nella zona della stazione di Capaccio Scalo. In particolare un lancio di sassi dal cavalcavia del sottopasso ferroviario, che ha quasi provocato un brusco incidente per un’auto che, in quel momento, stava percorrendo l’arteria che dal Rettifilo conduce verso la rotatoria di accesso alla frazione di Capaccio Scalo.

Il gesto vandalico, che avrebbe potuto innescare delle gravi conseguenze, è avvenuto ieri sera, a riportare la notizia la Città di Salerno.

La dinamica

La malcapitata vettura, una Alfa Romeo Giulietta, con a bordo il suo conducente e la ragazza, è stata bersaglio di una raffica di sassi che si è inaspettatamente abbattuta sulla sua carrozzeria. Il ragazzo alla guida è stato preso di soprassalto quando ha udito, proprio in prossimità del cavalcavia, un forte rumore provenire dalla parte alta della carrozzeria della vettura.

Secondo quanto riportato dal quotidiano salernitano, il giovane, dopo aver avvertito il frastuono provocato dall’urto dei sassi contro la carrozzeria, ha accostato la vettura ed ha notato un grosso sasso sul tettuccio dell’auto.

Intuita la sua provenienza ha poi subitamente volto lo sguardo verso il cavalcavia; in quell’istante ha notato delle losche figure che si davano alla fuga.

La denuncia

La vittima del vile gesto si è poi recata presso la compagnia locale dei Carabinieri al fine di sporgere denuncia contro le ignote figure. Gli inquirenti dell’Arma, in stretta corrispondenza con la compagnia di Agropoli, stanno ora indagando su quanto accaduto ieri notte nel tentativo di dare un volto a quelle persone, autori del lancio dei sassi.

A tal fine, si stanno in queste ore passando in rassegna non solo le testimonianze, ma anche i filmati delle telecamere di sicurezza che potrebbero contribuire nettamente alle indagini.

A seguito di un primo sopralluogo, gli inquirenti hanno prontamente rinvenuto dei sassi ammucchiati in un angolo e predisposti al vandalico gesto.