HomeAttualitàCampania zona rossa: le nuove restrizioni. Quali le attività aperte

Campania zona rossa: le nuove restrizioni. Quali le attività aperte

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
402,802
Totale Casi Attivi
Updated on 7 May 2021 0:13
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Da domani 8 marzo 2021 la Campania entrerà in zona rossa. Molte attività commerciali resteranno tuttavia aperte

Da domani 8 marzo la Campania  entrerà in zona rossa a seguito di un’ordinanza del Ministero della Salute. 

La Regione Campania precisa la misura con quanto segue:

“In relazione a richieste di chiarimento sulle ragioni di estensione della zona rossa all’intera regione, comprese aree interne con indice epidemico più contenuto, si precisa che la classificazione dell’intera regione in zona rossa è stata disposta con Ordinanza del Ministro della Salute in ragione di parametri adottati a livello nazionale ed applicati per le singole regioni, senza differenziazioni sub regionali. Peraltro, come da noi sostenuto più volte, l’applicazione di misure rigorose anche in zone che presentano indici di contagio inferiori ad altre, risponde ad un’azione di utile prevenzione perché la diffusione sia contrastata prima di interventi che risultino adottati in modo tardivo, anche in considerazione della maggiore trasmissibilità delle varianti.”

Da domani gli esercizi commerciali quali bar, ristoranti, pasticcerie non potranno più effettuare il servizio ai tavoli, mentre sarà possibile l’asporto fino alle ore 22 e la consegna a domicilio senza limiti di orari.
I bar che invece non possiedono una cucina al loro interno saranno invece costretti ad effettuare asporto e domicilio solo fino alle ore 18.
I centri commerciali resteranno chiusi nei festivi e nei prefestivi, ad eccezione di quelle attività all’interno indispensabili ed utili alla persona.
Chiudono tutte le attività commerciali non indispensabili, ad eccezione di quelle responsabili per per la vendita dei seguenti prodotti: negozi di generi alimentari, lavanderie, pompe funebri, calzature, informatica, elettrodomestici, surgelati, articoli igienico-sanitari, libri, giornali, ferramenta e vernici, biancheria, articoli da giardinaggio, articoli per l’illuminazione e sistemi di sicurezza, articoli sportivi, (farmacie e altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica), articoli medicali e ortopedici, prodotti cosmetici e profumi, articoli per animali, ottica.